Jump to content

Recommended Posts


Probabilmente perché là  è notte in primis e secondariamente vogliono avere tempo per capire con i parenti cosa dire e come dirlo. Temo che non ci saranno belle notizie. Spero con tutto me stesso di essere smentito. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sto riguardando il video. Al rallentatore non mi convince molto la direzione "dritta" della macchina verso la gru. Sembra in leggera sbandata col culo verso sinistra. E la Marussia proviene dalla parte di terra che vedete in questa foto, sulla destra.

 

post-1-0-16737800-1412634171_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sto riguardando il video. Al rallentatore non mi convince molto la direzione "dritta" della macchina verso la gru. Sembra in leggera sbandata col culo verso sinistra. E la Marussia proviene dalla parte di terra che vedete in questa foto, sulla destra.

 

Sarebbe coerente con un effetto pendolo, non pensi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dice Boselli: Il padre di Bianchi ci ha detto che sta aspettando Gerard Saillant per una consulenza su come procedere.Poi ci sarà  un comunicato #skymotori

Sent from my D5503 using Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono d'accordo su ogni parola da te scritta Alessandro........ed ho letto la discussione ieri su fb e mi dispiace che Pirro abbia parlato come un commissario FIA qualsiasi...... Edited by DaniMotorSport

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono d'accordo su tutto, ma i piloti non sono martiri occhio...

devono poter fare il loro lavoro in sicurezza ovviamente, ma io mi ricordo un intervista di Senna nel 1991, quando disse : "io sono uno privilegiato".

Edited by Muresan80
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me comunque fanno ridere i soloni del giorno dopo che, senza aver la minima idea di quello di cui stanno parlando (e ci mancherebbe), si lanciano in strali contro la pericolosità  e l'inutilità  delle corse. Senza ovviamente considerare come la F1 e le corse in automobile siano uno sport paradossalmente molto più sicuro di tanti altri, al punto che solo una combinazione incredibile di sfighe e gestione approssimativa causa un dramma.

Ma va di moda saltare sul carro del momento, e allora via con gli articoli soliti

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me comunque fanno ridere i soloni del giorno dopo che, senza aver la minima idea di quello di cui stanno parlando (e ci mancherebbe), si lanciano in strali contro la pericolosità  e l'inutilità  delle corse. Senza ovviamente considerare come la F1 e le corse in automobile siano uno sport paradossalmente molto più sicuro di tanti altri, al punto che solo una combinazione incredibile di sfighe e gestione approssimativa causa un dramma.

Ma va di moda saltare sul carro del momento, e allora via con gli articoli soliti

la F1 è sicura, si rischia di più in altri ambiti della vita.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

la F1 è sicura, si rischia di più in altri ambiti della vita.

La F1 è sicura in condizioni normali. Infatti, fosse finito contro il muro, Bianchi sarebbe quasi sicuramente uscito sulle proprie gambe pochi secondi dopo l'impatto.

Ma quelle di domenica non erano condizioni normali e ci hanno ricordato che, vent'anni dopo l'ultima tragedia che ha vissuto questo sport, non possiamo ancora essere tranquilli.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tralaltro ,riguardando il video ho individuato il vero "miracolato" della situazione.

Ad un certo punto,dietro la ruspa si vede un commissario vestito in rosso,quando la Marussia arriva,spostando violentemente  la ruspa,la stessa rischia di schiacciare letteralmente il commissario che ha alle spalle le barriere....

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

La F1 è sicura in condizioni normali. Infatti, fosse finito contro il muro, Bianchi sarebbe quasi sicuramente uscito sulle proprie gambe pochi secondi dopo l'impatto.

Ma quelle di domenica non erano condizioni normali e ci hanno ricordato che, vent'anni dopo l'ultima tragedia che ha vissuto questo sport, non possiamo ancora essere tranquilli.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

 

La situazione di gara ,per quel che ho visto io in passato riguardo le gare sulla pioggia,non mi sembrava particolarmente insidiosa,a me risulta effettivamente vero che i piloti e gli stessi team non siano più preparati ad affrontare  le gare sul bagnato soprattutto in circuiti di  "vecchia" generazione come Suzuka,dove l'errore lo paghi ,in questo caso purtroppo a carissimo prezzo.

 PS : non diamo la colpa a Suzuka ...per carità ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La F1 è sicura in condizioni normali. Infatti, fosse finito contro il muro, Bianchi sarebbe quasi sicuramente uscito sulle proprie gambe pochi secondi dopo l'impatto.

Ma quelle di domenica non erano condizioni normali e ci hanno ricordato che, vent'anni dopo l'ultima tragedia che ha vissuto questo sport, non possiamo ancora essere tranquilli.

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

si, infatti avevo specificato che bisogna garantire, la "normalità " ovvio che quella situazione creatasi era omicida sia per il pilota che per gli addetti al circuito.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

la sicurezza assoluta non ci sarà  mai e poi mai cmq, parliamo sempre di mezzi che vanno da 0 a 240 in 5 secondi...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito di sicurezza, dato che ne stiamo parlando , ho trovato un articolo interessante :

 

 

Lauda e Villeneuve : due pareri diversi sulla sicurezza

 

 

Niki Lauda e Jacques Villeneuve sono entrambi famosi per non avere peli sulla lingua e verrebbe da dire “dio li benedicaâ€, visto il mal costume dell’epoca moderna in cui ogni pensiero sembra doversi conformare ad un modello prestabilito, a questo “politically correct†che annienta ogni sfumatura, rendendo tutto freddo e impersonale.
L’ex pilota Ferrari, intervistato dai giornalisti sul drammatico finale del Gran Premio del Giappone, ha espresso la sua opinione in merito alla pericolosità  dell’automobilismo, compiendo un’analisi condivisibile: “L’automobilismo è pericoloso. Quando non succede niente tutti si abituano a questo concetto, poi improvvisamente siamo tutti sorpresi quando succede qualcosa di drammatico. Ma dobbiamo essere sempre consapevoli che l’automobilismo è molto pericoloso e l’incidente di oggi è l’unione di varie cose difficiliâ€. Niki Lauda, un uomo ed un pilota che ha vissuto sulla propria pelle il concetto “Motorsport is dangerousâ€, ha sicuramente voce in capitolo su un tema come la pericolosità  dell’automobilismo, essendo sopravvissuto al terribile incidente del Nurburgring nel 1976 ed avendo rinunciato a correre nello storico Gran Premio del Fuji di quell’anno, quando le condizioni climatiche avverse impedivano qualsivoglia visibilità , rinunciando così, molto probabilmente, alla conquista del titolo iridato.
Riguardo all’incidente occorso a Jules Bianchi, Lauda ha sottolineato la fatalità  dell’accaduto: “Una macchina è andata fuori pista, il camion è uscito per rimuoverla e poi è uscita fuori un’altra vettura, finendo con il colpire il mezzo. Jules è stato molto sfortunatoâ€. Secondo l’austriaco le difficili condizioni meteo non erano tali da causare la sospensione della gara, come invece sostenuto da Felipe Massa. Il brasiliano ha infatti dichiarato che, da cinque giri prima del drammatico incidente, chiamava via radio il team per chiedere l’interruzione della corsa a causa della scarsa visibilità . “Alla fine la pioggia non è stato il vero problema della corsa - ha proseguito Lauda-  Le Safety Car erano presenti e sono state mandate in pista e la gara poteva essere corsa  in condizioni di sicurezza più o meno sino alla fine, senza l’incidente la gara sarebbe terminata regolarmente. Il GP è iniziato in regime di Safety Car e non c’è stato nulla di sbagliato in questo, non sono stati fatti errori, il via è stato dato nel modo più sensatoâ€.

 

Il presidente non esecutivo della Mercedes ha recriminato solamente sull’ora di inizio della gara, considerando l’allerta per il tifone Phanfone e la velocità  con cui avrebbe fatto buio verso sera: “La gara sarebbe potuta iniziare prima, non c’è dubbio su questo. Sarebbe stato possibile iniziare la gara all’una. Penso che sarebbe stato meglioâ€.
Di diverso avviso rispetto a Lauda il Campione del Mondo 1997, Jacques Villeneuve, convinto che le regole inerenti la Safety Car vadano cambiate al più presto: “Le regole devono essere cambiate per quanto riguarda la Safety Car. L’ho sempre sostenuto, anche quando correvo: ogni volta che si verifica un incidente, la vettura di sicurezza dovrebbe uscire in pista. Non dovrebbe essere una questione opinabile. Se qualcuno deve andare a prendere una macchina arenata sulla pista, è semplice il concetto: incidente – safety car e il gioco è fattoâ€, ha dichiarato Jacques parlando ad Autosport.
L’ex pilota Champ Car ha fatto un paragone con la serie americana, dove vigono regole diverse rispetto alla Formula 1 per quanto concerne l’impiego della Safety Car durante la corsa: “Sarebbe già  dovuto essere così da diversi anni. In America è sempre stato così ed è la soluzione più giustaâ€. Villeneuve è in disaccordo con quanti sostengono che, le numerose entrate in pista della Safety Car, finiscano per neutralizzare la corsa: “Chi critica la Safety quando entra troppe volte in pista nell’arco di una gara dicendo che così essa viene neutralizzata, sbaglia. Queste persone non capiscono il rischio che possa avvenire un’altra collisione tra il veicolo fermo e una macchina che sopraggiunge. Sono situazioni di pericolo troppo alto perchè si possano gestire con le bandiere gialle. Il problema è che ogni volta che la FIA manda la vettura di sicurezza in pista, tutti i media e tutti i tifosi si lamentano, dicendo che hanno distrutto la gara. E’ vero, a volte la Safety Car finisce per smorzare l’intensità  della corsa, ma almeno si evitano casi come oggi, evitando oltretutto il fattore umano di dover prendere una decisioneâ€.
Villeneuve, in chiusura, ha rimembrato le sue esperienze da pilota nella massima serie in casi di pericolo in pista: “Ogni volta che gareggiavo, se avevo un incidente ero sempre preoccupato che un’altra auto si potesse schiantare contro di me. Non ho mai ritenuto sufficiente la sola presenza delle bandiere gialle. Quanto rallentano i piloti effettivamente? Senza contare che potrebbero avere una foratura o un guasto alla sospensione. Sono stupito che qualcosa di simile non sia mai accaduto prima, evidentemente siamo stati molto fortunati. Quante volte è successo che un concorrente fermo in pista fosse sfiorato a pochi centimetri dalle vetture che sono sopraggiunte dopo…â€.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

I piloti, come brillantemente ricordato da gio, sono animali da giungla selvaggia… primi a cercare di fregarti, ma un tempo primi anche a rischiare la pelle per tirar fuori un compagno dai guai, vedi Hunt-Peterson nel '78 o Merzario e altri con Niki. Ma, come ben scritto da molti con pioggia battente deve essere la direzione di gara ad applicare un semplice protocollo standard che neutralizzi immediatamente  la gara prima di far entrare soccorsi o mezzi di rimozione in pista… Non si può chiedere ai piloti di mollare spontaneamente, in casi come quello di Suzuka li si deve obbligare, semplice. 

Bisogna anche affrontare il discorso che queste vetture non riescono proprio a stare in strada con l'acqua… con vetture più alte, meno sbilanciate sul versante aerodinamico sarebbe più facile  evitare il famigerato effetto pendolo.

 

Vero...e le soluzioni sarebbero anche semplici. Dichiarare "gara bagnata" e permettere di intervenire sull'auto la domenica, per esempio. Facile, semplice, e non si capisce come potrebbe diminuire lo "speTtaKolO".

 

Non so se sarebbe possibile stabilire un vero protocollo per l'intervento della SC, perchè le situazioni posson essere tantissime. Quest'anno, come minimo, doveva uscire ad Hockenheim ma, chissà  perchè, non è uscita. E doveve uscire anche qui, chiarissimo. Almeno in certi casi la gara dovrebbe essere resettata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Bisogna anche affrontare il discorso che queste vetture non riescono proprio a stare in strada con l'acqua… con vetture più alte, meno sbilanciate sul versante aerodinamico sarebbe più facile  evitare il famigerato effetto pendolo.

 

"Passatista", "Eh, ma vuoi bloccare il progresso", "Se uno stratagemma ispirato dall'aeronautica può farmi andare più veloce, allora è giusto adottarlo, questa è la categoria regina (sic), il massimo della tecnologia, non me ne frega nulla che siano aerei rovesciati", "Se vuoi vedere delle auto, vatti a vedere le gare Turismo"

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parole giuste e condivisibili, ma se si riconosce il male forse si dovrebbe fare uno sforzo per individuare la soluzione, che è molto più semplice e alla portata di quanto si pensi. Visto che tutto è un business e che tutto è incentrato sui soldi, basterebbe toglierglieli, ciòè basterebbe spegnere il televisore, boicottare uno spettacolo divenuto penoso da almeno una decina d'anni. E' l'unica soluzione, l'unica arma a disposizione di chi si professa appassionato e ha a cuore il destino dello sport. Preferisco che la F1 sparisca, piuttosto che andare avanti con questo scempio immeritevole del nome che porta. E' anche l'arma più efficace e lo dimostra il fatto che per reagire al calo di spettatori, dopo anni di soluzioni assurde pro spettacolo, stanno facendo marcia indietro su comunicazioni radio e telemetria, minchiate anche quelle secondo me ma almeno qualcosa si muove. Invece dopo una settimana, anni di polemiche e "proteste", domenica tutti saranno lì, davanti alla tv, magari col broncio ma gabbati ancora una volta dalla solita banda...e tutti i discorsi lasceranno come sempre il tempo trovato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sun, Lotus non è una questione di altezza da terra, non fossilizzatevi, una volta le vetture erano alte da terra 10mm avanti e 16mm dietro parlo del 1993...adesso sono 55-60mm il punto sono le sospensioni che non esistono più e il fatto di non poter modificare le vetture in caso di pioggia.

Fino al 2002 oltre al warm-up potev modificare pure l'assetto sulla griglia...

Ripeto le condizioni di Suzuka 1994 erano 5 volte peggiori di questa.

Edited by Muresan80
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito di sicurezza, dato che ne stiamo parlando , ho trovato un articolo interessante :

 

 

Lauda e Villeneuve : due pareri diversi sulla sicurezza

 

 

Niki Lauda e Jacques Villeneuve sono entrambi famosi per non avere peli sulla lingua e verrebbe da dire “dio li benedicaâ€, visto il mal costume dell’epoca moderna in cui ogni pensiero sembra doversi conformare ad un modello prestabilito, a questo “politically correct†che annienta ogni sfumatura, rendendo tutto freddo e impersonale.

L’ex pilota Ferrari, intervistato dai giornalisti sul drammatico finale del Gran Premio del Giappone, ha espresso la sua opinione in merito alla pericolosità  dell’automobilismo, compiendo un’analisi condivisibile: “L’automobilismo è pericoloso. Quando non succede niente tutti si abituano a questo concetto, poi improvvisamente siamo tutti sorpresi quando succede qualcosa di drammatico. Ma dobbiamo essere sempre consapevoli che l’automobilismo è molto pericoloso e l’incidente di oggi è l’unione di varie cose difficiliâ€. Niki Lauda, un uomo ed un pilota che ha vissuto sulla propria pelle il concetto “Motorsport is dangerousâ€, ha sicuramente voce in capitolo su un tema come la pericolosità  dell’automobilismo, essendo sopravvissuto al terribile incidente del Nurburgring nel 1976 ed avendo rinunciato a correre nello storico Gran Premio del Fuji di quell’anno, quando le condizioni climatiche avverse impedivano qualsivoglia visibilità , rinunciando così, molto probabilmente, alla conquista del titolo iridato.

Riguardo all’incidente occorso a Jules Bianchi, Lauda ha sottolineato la fatalità  dell’accaduto: “Una macchina è andata fuori pista, il camion è uscito per rimuoverla e poi è uscita fuori un’altra vettura, finendo con il colpire il mezzo. Jules è stato molto sfortunatoâ€. Secondo l’austriaco le difficili condizioni meteo non erano tali da causare la sospensione della gara, come invece sostenuto da Felipe Massa. Il brasiliano ha infatti dichiarato che, da cinque giri prima del drammatico incidente, chiamava via radio il team per chiedere l’interruzione della corsa a causa della scarsa visibilità . “Alla fine la pioggia non è stato il vero problema della corsa - ha proseguito Lauda-  Le Safety Car erano presenti e sono state mandate in pista e la gara poteva essere corsa  in condizioni di sicurezza più o meno sino alla fine, senza l’incidente la gara sarebbe terminata regolarmente. Il GP è iniziato in regime di Safety Car e non c’è stato nulla di sbagliato in questo, non sono stati fatti errori, il via è stato dato nel modo più sensatoâ€.

 

Il presidente non esecutivo della Mercedes ha recriminato solamente sull’ora di inizio della gara, considerando l’allerta per il tifone Phanfone e la velocità  con cui avrebbe fatto buio verso sera: “La gara sarebbe potuta iniziare prima, non c’è dubbio su questo. Sarebbe stato possibile iniziare la gara all’una. Penso che sarebbe stato meglioâ€.

Di diverso avviso rispetto a Lauda il Campione del Mondo 1997, Jacques Villeneuve, convinto che le regole inerenti la Safety Car vadano cambiate al più presto: “Le regole devono essere cambiate per quanto riguarda la Safety Car. L’ho sempre sostenuto, anche quando correvo: ogni volta che si verifica un incidente, la vettura di sicurezza dovrebbe uscire in pista. Non dovrebbe essere una questione opinabile. Se qualcuno deve andare a prendere una macchina arenata sulla pista, è semplice il concetto: incidente – safety car e il gioco è fattoâ€, ha dichiarato Jacques parlando ad Autosport.

L’ex pilota Champ Car ha fatto un paragone con la serie americana, dove vigono regole diverse rispetto alla Formula 1 per quanto concerne l’impiego della Safety Car durante la corsa: “Sarebbe già  dovuto essere così da diversi anni. In America è sempre stato così ed è la soluzione più giustaâ€. Villeneuve è in disaccordo con quanti sostengono che, le numerose entrate in pista della Safety Car, finiscano per neutralizzare la corsa: “Chi critica la Safety quando entra troppe volte in pista nell’arco di una gara dicendo che così essa viene neutralizzata, sbaglia. Queste persone non capiscono il rischio che possa avvenire un’altra collisione tra il veicolo fermo e una macchina che sopraggiunge. Sono situazioni di pericolo troppo alto perchè si possano gestire con le bandiere gialle. Il problema è che ogni volta che la FIA manda la vettura di sicurezza in pista, tutti i media e tutti i tifosi si lamentano, dicendo che hanno distrutto la gara. E’ vero, a volte la Safety Car finisce per smorzare l’intensità  della corsa, ma almeno si evitano casi come oggi, evitando oltretutto il fattore umano di dover prendere una decisioneâ€.

Villeneuve, in chiusura, ha rimembrato le sue esperienze da pilota nella massima serie in casi di pericolo in pista: “Ogni volta che gareggiavo, se avevo un incidente ero sempre preoccupato che un’altra auto si potesse schiantare contro di me. Non ho mai ritenuto sufficiente la sola presenza delle bandiere gialle. Quanto rallentano i piloti effettivamente? Senza contare che potrebbero avere una foratura o un guasto alla sospensione. Sono stupito che qualcosa di simile non sia mai accaduto prima, evidentemente siamo stati molto fortunati. Quante volte è successo che un concorrente fermo in pista fosse sfiorato a pochi centimetri dalle vetture che sono sopraggiunte dopo…â€.

 

 

 

 

La differenza principale è che Lauda non si pronuncia affatto sull'episodio chiave. Da abile diplomatico (e faccia di bronzo) lo evita accuratamente. "Sfortuna" my ass, herr Niki.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...