Vai al contenuto

Cerca nella Comunità

Showing results for tags 'life l190'.



More search options

  • Search By Tags

    Tipi di tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Forum

  • P300.it FORUM | Community
    • Regolamento
    • Benvenuto
    • English corner
  • Passione Motorsport
    • Discussioni generali
    • Scuderie di Formula 1 | Le auto di Sauro
  • Quattro ruote
    • Formula 1
    • Indycar Series
    • WEC
    • Formula E
    • WRC | Altri Rally
    • NASCAR
    • Formula 2 | GP2
    • Formula 3 | GP3
    • Endurance | GT
    • Altro Motorsport
    • FantaP300
  • Due ruote
    • MotoGP, Moto2, Moto3
    • Superbike
    • Altre categorie
    • Piloti

Find results in...

Find results that contain...


Data creata

  • Inizio

    End


Ultimo aggiornamento

  • Inizio

    End


Filter by number of...

Registrato

  • Inizio

    End


Gruppo


Luogo


Segue la F1 dal


Pilota


Pilota passato


Team


Circuito


Best Race

Trovato 1 risultato

  1. V6DINO

    Life L190

    DATI GENERALI Scuderia Life Racing Engines Anno di produzione 1989 Motore Life F35 W12 3493 e Judd EV V8 3500 cc. Telaio Monoscocca in fibra di carbonio Pneumatici Goodyear Luogo di produzione Torino (ITA) google.maps Progettista Ricardo Divila e Gianni Marelli Impiegata nel 1990 Piloti 39 Gary Brabham, 39 Bruno Giacomelli STATISTICHE GP Disputati 16 LIFE L190 Quando si trova citata la Life nei libri di storia delle corse, la si sente spesso definire come la peggiore scuderia nella storia della F.1. E, forse, una qualche ragione per affibbiarle questa scomoda etichetta c'è. Ma si tratta di una giudizio ingeneroso: in fondo l'avventura-Life non fu altro che il tentativo, forse un po' ingenuo, di assecondare la propria grande passione per le corse da parte di Ernesto Vita, rampollo di una ricca famiglia emiliana, che aveva avuto anche una carriera da pilota negli anni '70, arrivando in F. Ford e F.3. Il progetto in realtà aveva presupposti interessanti. Franco Rocchi era un motorista di lungo corso, veterano della Scuderia Ferrari dove era stato per anni e dove fu il "padre" della fortunata dinastia dei V12 di Maranello che dominarono negli anni '70. Rocchi era uscito dalla Ferrari nel 1980 e da allora aveva lavorato come "indipendente" cullando fra gli altri un progetto il cui primo embrione era datato addirittura 1967, quando aveva costruito un modulo W3 da 500 cc. che doveva svilupparsi in un potentissimo Ferrari W18 capace di quasi 500 cavalli. Rocchi, in vista dell'uscita di scena dei motori turbo nella stagione 1989, aveva progettato un originalissimo motore formato da tre bancate di quattro cilindri disposti, appunto, a V di 60° l'uno con l'altro, quindi a "W". Ernesto Vita, che conosceva Rocchi, strinse con lui una alleanza e decise di Fondare la Life Engines – "i motori di Vita" – per mettere a punto il propulsore e venderlo ad una scuderia di F.1. Non trovando acquirenti, Vita decise di modificare il suo progetto: nell'inverno del 1989, quando lo sviluppo del motore era avanzato, acquistò la First F1, una vettura progettata da Richard Divila per il fallito tentativo da costruttore dell'ex-pilota Lamberto Leoni, naufragato per ragioni economiche alla vigilia dell'iscrizione al Mondiale 1990. La First, che era stata concepita per ospitare un motore Judd V8 e che aveva conosciuto la pista solo durante una gara-esibizione al Motor Show di Bologna con Gabriele Tarquini, fu adattata al nuovo W12 da Gianni Marelli e scese in pista a Vallelunga nel febbraio del 1990 con Franco Scapini al volante per i primi test. Sfortunatamente il progetto nasceva sotto i peggiori presupposti: il motore denunciò fin da subito una scarsa potenza , circa 150-200 cavalli in meno degli altri propulsori da F.1 , a dispetto di un peso notevole che rendeva la Life L190 , così fu ribattezzata la First , la più pesante vettura del lotto. Non c'è dunque da meravigliarsi se le sue prestazioni si rivelassero sostanzialmente sul livello di una F.3 più che da F.1. Gary Brabham, figlio di Jack, fu ingaggiato come pilota, ma dopo sole due gare , in una delle quali percorse 400 metri nelle prequalifiche , fuggì letteralmente constatando che il gap tecnico con le altre vetture era incolmabile. Vita allora convinse Bruno Giacomelli, ritiratosi ormai otto anni prima ma che aveva il vantaggio di essere stipendiato dalla Marlboro e quindi di non gravare sulle esangui casse del team, a rimettersi in gioco e a tentare l'improbabile impresa di qualificare la vettura per almeno una gara. In totale furono 14 i tentativi in tal senso, tutti falliti con un distacco medio dall'ultima vettura in griglia di circa venti secondi, nonostante l'estremo esperimento di ritornare ad un più tradizionale motore Judd abbandonando il Life originario. Vita cedette durante l'estate il controllo della scuderia all'industriale veronese Daniele Battaglino che annunciò un ambizioso progetto di rilancio sostenuto da capitali di una industria motoristica di Leningrado, la Pic, ma al di là della curiosa comparsa della bandiera sovietica sulla carrozzeria della vettura, nulla cambiò di concreto. La Life sparì definitivamente alla fine della stagione.