Vai al contenuto

Cerca nella Comunità

Showing results for tags 'ej10'.



More search options

  • Search By Tags

    Tipi di tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Forum

  • P300.it FORUM | Community
    • Regolamento
    • Benvenuto
    • English corner
  • Passione Motorsport
    • Discussioni generali
    • Scuderie di Formula 1 | Le auto di Sauro
  • Quattro ruote
    • Formula 1
    • Indycar Series
    • WEC
    • Formula E
    • WRC | Altri Rally
    • NASCAR
    • Formula 2 | GP2
    • Formula 3 | GP3
    • Endurance | GT
    • Altro Motorsport
    • FantaP300
  • Due ruote
    • MotoGP, Moto2, Moto3
    • Superbike
    • Altre categorie
    • Piloti

Find results in...

Find results that contain...


Data creata

  • Inizio

    End


Ultimo aggiornamento

  • Inizio

    End


Filter by number of...

Registrato

  • Inizio

    End


Gruppo


Luogo


Segue la F1 dal


Pilota


Pilota passato


Team


Circuito


Best Race

Trovato 1 risultato

  1. V6DINO

    Jordan EJ10 '00

    DATI GENERALI Scuderia: Benson & Hedges Jordan Anno di produzione: 2000 Motore: Mugen Honda MF-301HE V10 3000cc Telaio: Monoscocca composita in fibra di carbonio e kevlar con struttura a nido d'ape Carburante e lubrificanti: Elf Pneumatici: Bridgestone Luogo di Produzione: Silverstone (GBR) Progettista: Mike Gascoyne, Tim Holloway, John Iley Impiegata nel: 2000 Piloti: 5 Heinz-Harald Frentzen, 6 Jarno Trulli STATISTICHE GP Disputati: 10 Vittorie: 0 Podi: 1 Pole Position: 0 Giri Più Veloci: 0 Miglior risultato: Jordan, 6° posto nel Campionato Costruttori 2000 EJ10 Dopo la stagione "di grazia" 1999, la Jordan sembrava destinata ad entrare stabilmente nei top team. Eddie Jordan aveva affrontato il nuovo millennio con rinnovata fiducia e con l'intenzione di dare l'assalto al Titolo Mondiale. La "EJ10" – così battezzata per celebrare il decimo anno della scuderia irlandese in F.1, un marchio che divenne anche una bevanda lanciata sul mercato con il marchio del team – non stravolgeva ma affinava il progetto precedente mirando a superarne i problemi di affidabilità e affidandosi ad una ulteriore evoluzione del motore Mugen Honda, ormai curato direttamente dalla casa-madre giapponese. Purtroppo i risultati furono molto al di sotto delle aspettative con un prestazioni incostanti da circuito a circuito ed una vettura difficile da mettere a punto, dalle reazioni imprevedibili ai cambi di condizione. Nemmeno una versione "B" deliberata a metà stagione riesce ad invertire la tendenza. E così la stagione 2000 che doveva essere quella della consacrazione, fu per la Jordan la prima di un rapido e per certi versi imprevedibile declino. ( Massimo Piciotti )