Vai al contenuto

Lotus

Appassionati
  • Numero messaggi

    4.133
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione comunità

2.895 Buono

9 che ti seguono

Informazioni di Profilo

  • Luogo
    near Modena
  • Segue la F1 dal
    '72
  • Pilota
    vari... XD
  • Pilota passato
    Ronnie e Gilles
  • Team
    Team Lotus vero
  • Circuito
    Nordschleife
  • Best Race
    Zeltweg 1978

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

1.664 ospiti/utenti
  1. Lotus

    21. Gran Premio di Abu Dhabi 2018 | Yas Marina

    Ciao Nando, torna presto, se puoi. PS ora aspetto i commenti di chi - non su questo forum, ovviamente - già spacciava per certa l'ennesima verità di fatto: Senza Mecca e Alonso l'Hooondà risorge e si appresta a spezzare le reni... ai fornitori di turbine della real casa nipponica Sarà interessante vedere se in un inverno e mezzo troveranno prestazioni e affidabilità dopo averle inseguite per 4 anni contribuendo a far schiantare, nel frattempo, una scuderia gloriosa che ha fatto la storia della F1. Mal che vada ci leveremo dalle palle l'insopportabile sicumera e "simpatia" del Dr. Marko Helmut.
  2. spero che ai vertici McLa(d)ren arrivi una fulminante vendetta di Montezuma dopo questo weekend. Il Dio della F1 li stramaledica... in eterno. Sono un po' incazzato, si capisce?
  3. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Io credo che la sua Ferrari, come poi dimostrato dai facili sorpassi effettuati per risalire dalla diciottesima posizione con auto danneggiata, potesse facilmente nell'arco della gara lottare per la terza o seconda piazza. Ha avuto fretta, fatto un errore di valutazione. Ci può stare, anche il discorso "se vedo uno spazio e non ci provo cosa corro a fare" può essere accettato nello spirito racer ma resta il fatto che oggettivamente con l'auto che si ritrova temporeggiando in quell'occasione aveva il 90% almeno di possibilità di finire a podio... tenendo aperto il discorso mondiale.
  4. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Una possibilità ad un ex grande Boss della F1 attualmente "disoccupato" la vogliamo dare? sarebbe fantastico vedere l'ex "Darth Vader" della F1 guidare la riscossa contro Mercedes e quel bischero che l'ha sostituito a Woking! #Dennis+Alo great Ferrari's revenge
  5. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Ho appena letto il fondo di Alessandro: "Il punto nevralgico di questa stagione è sicuramente la vittoria buttata al vento ad Hockenheim. Lì qualcosa si è rotto e mi viene da dire non solo in lui ma in tutta la Ferrari, che ha poi progressivamente perso la bussola non solo con il suo primo pilota ma in tutta una serie di scelte strategiche decisamente discutibili, tra cui quella delle gomme intermedie in qualifica ieri. La coincidenza della scomparsa del presidente Marchionne sembra sempre meno tale con lo sbando alla quale abbiamo assistito con il susseguirsi delle gare. Che facesse da collante ad un team con qualche crepa a livello psicologico? Che sapesse dare una carica extra ai suoi uomini? Vai a saperlo, ma il dubbio è sempre più grande." Posso dire che sia tutto condivisibile - tranne ultimo incipit sulle doti "caratteriali" dell'ex pilota, questioni di punti di vista, sappiamo - ma secondo me manca una variabile importante, sempre a causa dalla scomparsa repentina del presidente-Conducator: pare proprio che la vettura fosse irregolare, per quanto riguarda la gestione della durata ERS... senza una figura importante come quella dell'ex presidente, sempre pronto ad imporre veti e a minacciare abbandoni, sicuramente il reparto tecnico ha perso coperture dal punto di vista "politico"... cosa che non è accaduta in campo avverso. Questa "visone" della categoria, con regolamenti assurdi che spingono al trucco camuffato garantito poi da camarille politiche gestite in camera di compensazione FIA è deleteria e tutta figlia della gestione del grande Jean Todt, l'ambassadeur del Mompracem. Con lui al comando si andrà sempre in peggio, dal punto di vista sportivo, s'intende. Ed è sempre un parere strettamente personale.
  6. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    un Kaiser in sedicesimi*, insomma * Se si tiene conto del puro e semplice palmares, ovviamente
  7. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Vorrei che qualcuno commentasse ora queste immagini, ricordo anche troppo bene cosa si scrisse all'epoca Ferrari 2015, finalmente sorrisi! rotfl nudo Tutta la stampa si buttò a pesce nella meravigliosa soap del nuova-buona-Ferrari da contrapporre alla sciagurata banda di dementi che avevano lottato contro Red Bull negli anni della lotta impari astronave-a-motore soffiante Vs resto del mondo... E quel simpatico tecnico che perculava a mo' di boccacce Alonso ogni volta che si incrociavano ai box, come si chiamava?
  8. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Se anche ad Austin si fa una figura barbina che succede? Ci sarà l'augusto consorte della tris tris tris nipote del Cardinale Federico? Che deciderà, allora, il nipote prediletto dell'Avvocato?
  9. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    diciamo che l "lo manda" proprio Jean Todt... visti i trascorsi in Art col Delfino -figlio di Msieur l'ambassadeur prestanome. Se vogliono rimettersi in casa il buon Nicholas e compagnia di giro non devono far altro. "torna massino, tutto è perdonato!" Dalla padella alla brace
  10. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    intervista insolitamente lunga e "sulle uova" ad Arrivabene nel dopo gara ( quella della Masolin). Sembrava molto a disagio, e l''ultima battuta sul silenzio che uccide fa proprio pensare che si sia rotto qualche cosa con l'algida e austera proprietà. Mi pare anche di ricordare che i rapporti fraterni Maurizio li abbia sopratutto col cugino... altro tassello da valutare per prossimi sviluppi.
  11. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Non so, io credo che il Renault non sia tutto quello schifo di cui si parla... oggi Sainz ha sorpassato facile il "superiore" ( a detta loro ) motore Honda su Gasly e se si può dire che la TR non sia una RB non si possono certo dire meraviglie di questo telaio Renault. L'anno prox, poi, rischia di far storia a se: La Red Bull è molto più esigente storicamente delle altre vetture dal lato dimensionamento-raffreddamento e Honda ha già dimostrato di aver buttato nel cesso un dignitoso percorso con il motore successivo alla nerona MP430... che nelle ultime uscite di stagione aveva dimostrato ben auguranti progressi. L'ultimo step di avvicinamento all'Olimpo sarà decisivo, vedremo... ma potrebbero esserci dei tristi risvegli per Dr Marko e soci.
  12. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    di male in peggio: F1 Arrivabene: "Così è inaccettabile: ci manca un tattico come nella vela" Il team principal della Ferrari e l'errore in Q3 con le intermedie montate: "Non punto il dito, paghiamo l'inesperienza: ci servirebbe un pistaiolo, uno che fiuti l'aria e indirizzi il gruppo come in coppa America. I conti li faremo però solo a fine stagione. Forse" gazzetta.it
  13. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Mi autoquoto, a conferma di quel che ho postato: Arrivabene: "Quanto accaduto è inaccettabile. Era facile prevedere cosa succedeva!" (itmotorsport.com) Ora, io non so quanto il virgolettato sia reale... nel caso lo fosse, beh... direi che è lampante cosa debba essere cambiato in primis, e senza perdere ulteriore tempo. PS e di Jock Clear "promosso" nuovo Ing. di Leclerc nel 2019 ne vogliamo parlare?
  14. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Attenzione perché nelle interviste i due piloti fan capire anche cose diverse: Per Kimi il tempismo della scelta intermedia "non sarebbe stato il migliore". Seb, al contrario afferma " ero d'accordo sull'usare le intermedie". Ci sta anche che Raikkonen con 2 piedi ormai fuori dall'abitacolo - ma non dall'ambiente Ferrari - possa essere più franco ma resta il fatto che lui, errore o non errore collegiale, è riuscito a fare il 4 tempo pur con sbavature di guida. Vettel ha proprio sbagliato in pieno di suo.
  15. Lotus

    17. Gran Premio del Giappone 2018 | Suzuka

    Basta cambiare una pedina e mettere al comando un vero uomo di motorsport, magari con un po' di sane attitudini "dittatoriali" nel senso nobile del termine.
×