Vai al contenuto

Nemo981

Appassionati
  • Numero messaggi

    946
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione comunità

941 Non male

6 che ti seguono

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

952 ospiti/utenti
  1. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Anche perchè più flap e flappettini metti, più il tutto diventa suscettibile alla perturbazione di una macchina davanti. Con uno studio attento si potrebbero avere forme più semplici, flussi meno instabili e praticamente livelli equiparabili di carico spendendo un decimo. E magari si potrebbe concedere un po' di fantasia sulla meccanica, motori (anche se lì bisogna capire che strada prendere) ecc...che so, sbloccare la distribuzione dei pesi e la rapportatura, per dire...
  2. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Pure a me piace più la 2008, ma guarda il lavoraccio fatto sull'ala della 17. Non saprei in termini di carico, ma il problema che proprio la limitazione (il profilo neutro nei 50 cm centrali) ha spinto alla "impalcature" costruite ai lati. Il senso del mio discorso è questo: preferirei due profili-due, con una corda tale da generare il carico tot (su questo ci si mette d'accordo) e poi basta. Non ha senso mettere prima limiti enormi (50 cm di profilo neutro) e poi spendere barche di soldi per aver mezzo punto di carico in più con mille mezzi più complicati.
  3. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    per dire, questa era l'ala del mostro rosso del 2004...
  4. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Non saprei, se guardi solo l'ala anteriore è diventata ben più complicata dal 2009 in poi. paradossalmente proprio per le limitazioni aero in altre zone della vettura: essendo una delle poche aree libere ci si sono sbizzarriti: i piani, i flap, le ali e alette sono aumentate e diventate sempre più complicate. La mia idea è sempre la stessa: le ali andrebbero semplificate e semmai (opzionalmente) andrebbe affidato a fondo e diffusore parte del carico generato da queste (è la via seguita dal nuovo kit universale indy). E magari poi si potrebbe standardizzare pure quello, perchè no? Meno ricerca, meno soldi buttati, valori di carico pressocchè uguali all'attuale (si, se semplifichi le ali, ma ad esempio allarghi il diffusore) e la downforce si pagherebbe meno, molto meno, in termini di sensibilità alle turbolenze e ai disturbi aerodinamici.
  5. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Ripeto, firmerei subito. Francamente aspetto di vedere cosa faranno sul serio: ho letto sì che il layout non non sarà cambiato (anche se io non crederò all'utilizzo della signes originale fino a che non vedrò effettivamente transitarci le macchine nel week end di gara), ma parlano di aggiustamenti ai cordoli. E qui può nascondersi il trucco. Ormai in tutte le piste nuove (e nei tratti modificati delle vecchie) il disegno effettivo delle curve lo fanno i cordoli: basta metterne uno più a spigolo per cambiare completamente il raggio e la traiettoria di curvatura. Operazione facilissima da fare qui dove la pista è già effettivamente disegnata dai cordoli in mezzo al mare di asfalto (altrove devono prima asfaltare). Posizionando i cordoli in un modo piuttosto che in una altro, la prima esse abbastanza veloce dopo il traguardo può diventare una sequenza di due curve a 90 raccordate ("puro Tilke"); le curve tonde dopo la bausset possono diventare spigoli; la stessa bausset, invece che un lungo curvone continuo, può essere spezzettata in tratti retti raccordati da angoli più o meno aperti da media velocità (sempre "Tilke style"). Insomma io aspetto, non i fido per nulla... Mica tanto vero. A parte che i suoi chili di carico sull'asse anteriore li genera, ma poi tutto il lavoro di pulizia e indirizzamento dei flussi contribuisce tantissimo al carico generato dietro, da fondo e diffusore. Una bella semplificata ci vorrebbe, altrochè...
  6. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    quoto, io ancora non ci credo che non arrivi tilke e spigoli tutto a partire dalla signes (tra l'altro la variante a spigolo esiste già). Ci metterei la firma perchè corrano effettivamente sul circuito così com'è
  7. Nemo981

    F1 e realtà virtuale, un mix incredibile

    A me non sembra per niente reale: troppi controsterzi...
  8. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Se quest'anno stiamo di nuovo vedendo la F1 è soprattutto per questo, perchè finalmente, dopo 5 anni buoni, ci sono di nuovo delle gomme da corsa che consentono ai piloti di correre e non li costringono a portare a spasso la monoposto. Poi ovviamente c'è il fattore delle due squadre vicine, è il presupposto di un bel campionato con qualsiasi regolamento. Avessimo avuto una ferrari così col regolamento dello scorso anno, le gare sarebbero state comunque più belle da vedere ed emozionanti. Questo è tacito e non dobbiamo dimenticarcene, ma resta che sarebbero state comunque meno belle e genuine, imho Per quello basterebbe qualche piccolo aggiustamento al regolamento. Via un po' di strati dall'ala anteriore e semplificare deviatori di flusso-turning vanes-e altri orpelli tra ruote e pance. La riduzione in termini di punti di carico sarebbe alla fine molto contenuta, ma le macchine soffrirebbero molto meno in scia. Ci dono davvero vicini secondo me, senza dover stravolgere nulla e rendere di nuovo le macchine ridicolmente lente. Un piccolo atto di buon senso...spero in Brawn...
  9. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    per il paasso indietro si parlava di eliminare uno dei due motori elettrici (l'MGU_H) e lasciare un Kers magari di maggior potenza. Comunque ormai pure io mi sono lasciato convincere che un ritorno indietro a mostri apirati, di grande cilindarata e super potenti, senza ammenicoli futuristici sia impensabile...il futuro elettrico dell'auto, il mercato, l'ambiente...poi scopro che la lamborgini huracan gt3 ha un V10 5000 di cilindrata...
  10. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    "Siccome la resistenza è molto cresciuta rispetto al 2016, c’è la possibilità di trovare maggior prestazione se la si riduce. L’aumento di carico, invece, che è già stato sensibilmente incrementato, produce un guadagno sul tempo sul giro minore rispetto all’anno scorso. Quindi, se si cerca il giusto livello di carico è più facile che si trovino dei circuiti da medio carico, mentre negli ultimi dieci anni (con le ovvie eccezioni di Monza e Spa) si sono usate ali quasi sempre con il carico massimo (magari si aggiungevano delle specifiche appendici solo per Monaco o l’Ungheria). L’ottimizzazione della macchina in galleria, quindi, avveniva con il massimo carico. Ora sono cambiati i rapporti e ci sarà un maggiore numero di tracciati nei quali ci vorrà una configurazione da medio carico. E guardando le ali posteriori ho visto che tendono a essere svergolate, con la parte esterna che risulta meno carica: Mercedes e Red Bull seguono già questa filosofia." https://it.motorsport.com/f1/news/tombazis-le-regole-aero-2017-un-vortice-di-problemi-da-risolvere-884600/ Se avesse ragione, questa cosa mi piacerebbe. Mi ricordo fino a metà anni 2000 che in effetti le configurazioni aerodinamiche variavano di più da circuito a circuito e che prevalevano assetti più scarichi, con gli estremi opposti delle coppie monza\hockenheim (quella vera) e monaco\ungheria. Tenderei a credere che oltre al fattore indicato da Tombazis (cioè il maggior livello di carico di base concesso dai regolamenti dell'epoca), influisse anche la maggiore potenza dei V10 che probabilmente dava un senso alla ricerca di una maggiore scorrevolezza sugli allunghi. Poi già a partire dal 2006, e ancora di più dal 2009, i regolamenti hanno spinto ad adottare un carico massimo praticamente ovunque, anche perché con motori ormai plafonati nella prestazione (mi riferisco ai vecchi V8) le gare non le vincevi certo con qualche chilometro di velocità in più sul dritto. Emblematiche in questo senso sono le pole della rb a monza nei primi anni di questo decennio, con velocità di punta di poco superiori ai 320. In pratica quest'anno il livello di base più alto della downforce, unito alla possibilità di sfruttare la cavalleria di queste PU per guadagnare decimi, potrebbero spingere ad avere assetti diversi tra le varie piste e non più sempre il solito setup "a tutta ala". Sperem
  11. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Esattamente. Questa volta invece è al contrario: gomme che durano di più (quindi meno pit) e aerodinamica che sfavorisce i sorpassi. Dagli avvicendamenti di posizione senza senso ai trenini forzati.... Bastava, con l'aerodinamica dell'anno scorso, modificare solo le gomme per fornire un prodotto che consentisse ai piloti di attaccare per più giri durante la gara e che non andassero subito in overheating appena si stava in scia e la situazione sarebbe con ogni probabilità migliorata. Invece no, cambiamento selvaggio...
  12. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Vedo che si continua a riprendere e trascinare la discussione attraverso i vari post. Molto bello Lo scrissi anch'io l'anno scorso che questo cambiamento, pensato quando nel 2014 tutti (dai piloti alla maggior parte degli osservatori) giudicavano oggettivamente troppo lente le nuove F1, non era probabilmente più necessario visti che con lo sviluppo già l'anno scorso erano state raggiunte prestazioni di tutto rispetto (specie in qualifica). Il guaio poi è che hanno cambiato troppe cose tutte insieme: bene aumentare il grip meccanico, bene magari l'allargamento delle carreggiate e il ridimensionamento dell'ala. Ma a questo hanno aggiunto troppa libertà sull'ala anteriore, aumentato il fondo, liberalizzato lo sviluppo areodinamico in alcune zone dove prima si poteva fare meno, tipo la zona tra ruote anteriori e pance. Un principio fondamentale nella ricerca è che va sempre modificata una variabile per volta per vedere bene che effetto fa: se cambi tutto contemporaneamente rischi non solo di trovarti in una situazione totalmente nuova con nuovi problemi (magari opposti ai precedenti) ma rischi anche di non capirci niente. Inoltre temo abbiano pure esagerato. Magari andrà anche bene per quest'anno perchè mi sembra si ritorni fondamentalmente ai livelli delle F1 dell'era scarichi soffianti o a quelle dei primi anni 2000 (peraltro amatissime), ma dall'anno prossimo con lo sviluppo probabilmente si raggiungeranno livelli prestazionali esagerati che imporranno un nuovo cambio di regole. A quel punto spero imparino la lezione e non facciano una nuova rivoluzione, bisognerebbe correggere la formula, non stravolgere e fare caciara. Per esempio potrebbero iniziare a limitare la complessità veramente esorbitante dell'ala anteriore, poi o oppure riabbassare il diffusore, limitare di nuovo la proliferazione di appendici aerodinamiche appese alla carrozzeria, eccetera. Avremmo pure macchine più belle! Inoltre si ridurrebbe anche la sensibilità delle macchine al vento, che mi sembra stia emergendo come un problema delle nuove vetture: alcuni piloti hanno detto che quando sono ad alta velocità nelle curve in appoggio una raffica improvvisa laterale scompone parecchio la macchina. E' successo a Bottas, forse succede nel video sopra di Ricciardo, e chissà che non sia stato così anche per l'uscita di Raikkonen oggi (ma anche qui niente di nuovo: ricordo nei primi anni 2000 la descrizione del circuito silverstone nella scheda del gp su autosprint, e si diceva che una caratteristica erano le improvvise e forti folate che potevano mandare in testacoda le macchine nei curvoni veloci! Ancora una volta si ritorna a problematiche già sperimentate almeno negli ultimi 15-20 anni). Comunque partendo da queesta base, se necessario, procedendo per piccole approssimazioni successive forse si potrebbe arrivare ad un pacchetto equilibrato. Vedendo i video, le frenate ora sono ai livelli del 2010 o anche 2004. Non mi preoccuperei ancora, se poi si va oltre obiettivamente sarà un problema serio, anche per questioni di limite fisico dei piloti. Per me se si ritorna e si rimane a quei livelli andrebbe benissimo, i sorpassi saranno più difficili, se ne vedranno di meno, a seconda delle piste e delle gare, ma a io non mi sono scandalizzato per imola 2005 (shumacher che non riesce a sorpassare alonso nonostante ne avesse per 2 secondi in più), nè per la celebre abu dhabi 2010 (alo e petrov) e continuerei a non scandalizzarmi: gare così ci sono sempre state da che seguo la F1 e a volte sono rimaste anche memorabili. Su piste tipo barcellona, monaco, suzuka, hungaroring sarà dura sorpassare, ma me le ricordo così da sempre. Se su altre piste, tipo baharain e shanghai tra i nuovi, e spa e interlagos tra i vecchi, si tornerà a livelli degli ultimi 15-20 anni per me può essere accettabile. Anche perchè a fronte di questo sembrerebbe che le nuove macchine siano, almeno a questo stadio dello sviluppo, più difficili da guidare. Ad esempio Massa (che pure ha sollevato il problema della difficoltà a stare in scia) ieri ha detto che per Stroll sarebbe stato più facile debuttare l'anno scorso perchè queste macchine più veloci e fisiche chiedono molto di più al pilota e l'adattamento è più lento.
  13. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    thanks
  14. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    chi presenta domani?
  15. Nemo981

    Radio Paddock 2017

    Ormai quasi non ci speravo più!
×