Jump to content

estiloBardi

Appassionati
  • Content Count

    183
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by estiloBardi

  1. VALENTINOOOOOOOO ROSSIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!
  2. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    àˆ uscito dall'ultima curva con una leggera impennata e li ha perso la possibilità¡ di rimanere in scia
  3. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Tremava si, è l'adrenalina
  4. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Peccato per Vale ma giù il cappello di fronte a un 35 enne così!!!
  5. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Rossi fa lo scherzo a Marquez come l'anno scorso!!!
  6. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    A me sta simpatico, poi è chiaro noi possiamo giudicarlo solo da un video ma credo che anche nella realtà sia una persona a posto.
  7. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Però Nakagami che forza!!!
  8. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Mi sa che Rabat stia salutando la compagnia
  9. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Era ora! Chissà che non sia di buon auspicio per la moto2 e la moto Gp
  10. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Comunque i Marquez hanno un dna da paura
  11. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    A Rins gli si è chiusa la vena:-))
  12. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Si vede in chiaro su Cielo canale 26 del digitale terrestre
  13. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    E forza anche per Antonelli !!!
  14. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Parte ora la moto 3! Vai Fenati!!!
  15. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Marquez ha pure la scusante di aver provato pochissimo per la frattura al perone. Ma se stava al 100% che tempo faceva?? Impressionante!
  16. estiloBardi

    [Motomondiale] 2014.01 - GP Qatar

    Per divertirsi è meglio guardare la Sbk e ancora meglio la Stock 1000, li pochi fronzoli e spettacolo assicurato!
  17. estiloBardi

    Motomondiale 2014

    A 35 anni ha fatto un tempo mai riuscitogli negli anni passati e anche di passo non è messo male, è riuscito a modificare di nuovo il suo stile ( l'anno passato era più ingessato sulla moto). Penso che quest'anno sarà più vicino agli altri tre.
  18. estiloBardi

    L'ultima di Casey

    Nell'autobiografia il due volte Campione del mondo spiega il perchè del divorzio dalla Rossa di Borgo Panigale Casey Stoner nella sua autobiografia “Pushing The Limits†pubblicata da Hachette Australia ha affrontato anche l’argomento Ducati e il suo divorzio dalla Rossa di Borgo Panigale. Il due volte Campione del mondo si è sentito tradito quando la Ducati invece di “proteggerlo†lo ha “pugnalato†alla schiena, in riferimento al periodo in cui non stava bene fisicamente e in cui aveva saltato tre gare. Ecco un estratto del pezzo riportato da Foxsports Australia e da noi tradotto. “All’inizio della stagione 2009 ero più forte che mai. Avevamo avuto alcuni problemi iniziali con la nuova Ducati, ma eravamo riusciti a risolverli in breve tempo. Eravamo fiduciosi di poter rivincere il campionato. Poi qualcosa ha cominciato ad andare male e non riuscivo a capire il perchè. Dopo la gara del Mugello ero molto più stanco di quanto lo fossi mai stato prima. Ero rimasto sorpreso perché ero ben allenato, quindi non capivo. A Barcellona poi dopo il warm up ero sfinito, mi sentivo talmente stanco da dover tornare a letto per due ore. Quel pomeriggio non stavo bene e si vedeva anche dalla tv. La stanchezza mi ha colpito all’improvviso dopo soli cinque giri. Un minuto stavo bene e poi improvvisamente ho avuto un calo delle forze. Sono riuscito a finire la gara ma nel parco chiuso quasi non riuscivo a scendere dalla moto. Non riuscivo a camminare o parlare, volevo solo vomitare e sul podio sono quasi crollato. Avevo visto i medici in merito ad alcuni sintomi di stanchezza nel 2006. Mi avevano detto che era dovuta ad una combinazione data dalla mia dieta e del mio programma fitto di appuntamenti. Questa volta però la situazione era molto più seria. Ho cominciato a bere bevande di recupero a base di latte e siero di latte in polvere e la mia condizione è peggiorata ancora più rapidamente. Nessuno riusciva a capire e in Ducati la tensione saliva. Ero andato da ogni tipo di medico, in Europa e negli Stati Uniti ed ho effettuato ogni test immaginabile. C’erano un sacco di teorie ma nessuna diagnosi e nulla che mi facesse sentir meglio. In Ducati non erano felici e ho questo lo sentivo, ma quando hanno iniziato a fare annunci su mia condizione senza il mio consenso, mi hanno veramente deluso. Avevamo vinto un titolo insieme, fino a Barcellona ero in testa al campionato. Nel momento del bisogno hanno iniziato a parlare dubitando del mio livello di preparazione, ma nessuno di loro aveva idea di cosa stavo passando. Quando hanno saputo che sarei tornato in Australia (per ulteriori esami e riposo, saltando le gare di Brno, Indianapolis e Misano) non hanno gradito e ho ricevuto una email da Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Corse, che fondamentalmente diceva, “Spero che non ti aspetti di essere pagato per questo.†E’ stato estremamente deludente non avere il sostegno dei miei datori di lavoro durante uno dei momenti più difficili della mia vita. Ma sapevo che se non avessi affrontato alla radice il mio problema avrei potuto finire la mia carriera. Ho trascorso una settimana con test e scan. Due delle prove che ho dovuto fare, per il lattosio e glutine, erano processi di tre settimane che richiedevano la sperimentazione. Ho dovuto iniziare una dieta di eliminazione rigorosa per cercare di individuare gli eventuali problemi che potevamo essere legati all’alimentazione. A quel punto quando dall’Europa arrivavano voci infondate sulla mia condizione e allora mi sono isolato da stampa, dai miei coetanei e da ex piloti. Ognuno ha le proprie opinioni. Quel momento mi ha fatto capire di chi potessi fidarmi e di chi no. Certamente in Ducati c’erano persone di cui non mi potevo più fidare. Mentre ero via hanno offerto a Jorge Lorenzo un contratto per il doppio del denaro. Mi avevano detto quando avevamo firmato per il 2009 e il 2010 che non avevano più soldi, nè per me nè per lo sviluppo ed improvvisamente potevano permettersi di sborsare così tanto per un altro pilota? Considerando quello che avevamo realizzato insieme, stentavo a crederci. Mi sono sentito pugnalato alle spalle dalla gente di cui mi fidavo e che avrebbe dovuto fidarsi di me. Dopo due settimane ho ripreso il lattosio e quella notte sono stato male come un “caneâ€. Non riuscivo ad alzarmi dal letto, avevo perso la mia voce ed ero bloccato a letto per giorni. Il medico mi aveva detto di farlo per vedere la reazione, ma mi aspettavo qualcosa di molto meno grave. Ci siamo poi diretti in Europa e quando il mio corpo ha iniziato a smaltire il lattosio ho iniziato a sentirmi meglio. Il venerdì una volta salito in moto ho subito capito di star meglio, c’era una differenza enorme. La domenica mattina nel warm up ero stato il più veloce, ma ancora non potevo essere sicuro della mia condizione esatta fino a quando non ho percorso l’intera distanza di gara. Ho continuato a martellare tempi sul giro, il tutto mentre mi aspettavo di “morire†a metà gara, ma non è successo. Ho continuato a martellare tutta la gara ed ho portato a casa il secondo posto. Quella era una sensazione fantastica, davvero indescrivibile. Ero passato da una possibile carriera finita per sempre al fatto di poter tornare più forte che mai. Prima di tornare in Australia per la gara di Phillip Island abbiamo deciso di provare di nuovo lattosio, solo per confermare che fosse lui la fonte del problema. Il giorno successivo o due ho iniziato a perdere la mia solita energia. In un certo senso, questo mi ha reso felice perché ho potuto finalmente confermare quale fosse il problema. La cosa più importante era che avevamo salvato la mia carriera e che quindi potevo guardare avanti per cercare di vincere il campionato nel 2010. Una cosa mi era chiara, volevo vincere per me e per la mia squadra, ma non per l’azienda. Avevo quasi deciso di continuare con la Ducati e anche se mi avevano proposto un nuovo contratto per il 2011 e il 2012, avrebbero dovuto fare un gesto molto più grande per farmi restare. Ho detto cosa avrei voluto, gli ho dato mesi, ma non è successo niente. A quel punto ho capito che era finita e nella seconda gara del 2010 (a Jerez) ho firmato per la Honda (con cui poi ha vinto il suo secondo titolo).
  19. estiloBardi

    #KeepFightingMichael

    I medici hanno ribadito che al momento non si possono fare previsioni di alcun genere ma sono stati sorpresi da quel piccolo miglioramento! Forza Michael tifiamo tutti per te!!!!
  20. estiloBardi

    #KeepFightingMichael

    Lo so lo so, è che non riesco ad assuefarmi a questo giornalismo stupido
  21. estiloBardi

    #KeepFightingMichael

×