Vai al contenuto

Rops

Appassionati
  • Numero messaggi

    3.265
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Days Won

    8

Rops last won the day on July 10

Rops had the most liked content!

Reputazione comunità

6.944 Professore

7 che ti seguono

Che riguarda Rops

  • Rango
    Leave me alone
  • Compleanno November 11

Informazioni di Profilo

  • Luogo
    Sardinia
  • Segue la F1 dal
    1993
  • Pilota
    Kimi
  • Pilota passato
    Schumi
  • Circuito
    Quelli pre-Tilke
  • Best Race
    Interlagos 06-07

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

1.904 ospiti/utenti
  1. Rops

    20. Gran Premio del Brasile 2018 | Interlagos

    Ci sono tre comunicazioni diverse. La prima, quella a cui ti riferisci, è quando Ocon si trova ancora pit lane: "you may get blue flags with Hamilton and Verstappen", cioè una generica segnalazione sul fatto che quando sarà in pista riceverà bandiere blu. La seconda, ricevuta immediatamente dopo esser finito dietro Verstappen, è quella in cui viene avvisato che "Hamilton is not behind you yet". La terza, un paio di curve dopo, in cui gli segnala che Lewis è arrivato dietro di lui. "Blue flag now. Hamilton. Should better do on the straight". Invito ignorato da Ocon per mezzo giro. Una volta che Hamilton si stacca, a Ocon viene detto "SE VUOI, puoi passare Verstappen". E qui entra in gioco la capacità di giudizio del pilota.
  2. Rops

    20. Gran Premio del Brasile 2018 | Interlagos

    Prima però gli viene detto di dare strada ad Hamilton, possibilmente in rettilineo ("should better do on the straight"), ma lui non risponde e si fa mezzo giro con i pannelli a bordo pista illuminati di blu.
  3. Rops

    20. Gran Premio del Brasile 2018 | Interlagos

    Dal video postato da Djbill si vede chiaramente che Ocon solo sul rettilineo gli mangia mezzo chilometro per la differenza abissale di velocità fra le due macchine, ma negli altri settori non mi sembra affatto che stesse mettendo pressione a Verstappen, fermo restando che anche le gomme di Max erano abbastanza fresche. Oppure vogliamo credere che Ocon, autore di una gara del tutto anonima e che fino ad allora navigava nella terra di nessuno, grazie al solo montaggio delle gomme rosse nuove improvvisamente sulla sua Force India potesse tenere il passo della macchina che domenica era la piú veloce in pista? Ocon dopo 45 giri aveva già accumulato un giro di ritardo, ma con le gomme nuove sarebbe andato piú forte del leader della gara colmando quel secondo e mezzo di gap prestazionale che c'era tra le due macchine... Ci credo poco onestamente.
  4. Rops

    20. Gran Premio del Brasile 2018 | Interlagos

    Perdonami Sun ma Ocon non è una calamità che è piovuta dal cielo per colpe di terzi, è una persona con testa pensante e un pilota che, in quanto doppiato, deve rispettare delle precise regole e ha delle responsabilità nel momento in cui decide di agire. In questo caso il paragone col masso in pista su cui la Fia non avrebbe vigilato non calza per niente. Su cosa, nell'economia della gara, avrebbe fatto meglio a fare Verstappen siamo tutti d'accordo, ma questo non deve far passare in secondo piano il "punto di vista giuridico". Allora diciamo che alla prossima gara Stroll può permettersi di non frenare alla prima curva: cosa succederà? Applicando il tuo discorso tutti quelli che tamponerà "dovevano stare attenti", sì insomma, se volevano vedere la bandiera a scacchi dovevano farlo passare, visto che tanto lui partiva ultimo e non aveva niente da perdere mentre quelli davanti sì. Colpa loro che sono stati poco furbi, dovevano opportunamente lasciargli spazio. Per me questo è un discorso totalmente senza senso.
  5. Rops

    20. Gran Premio del Brasile 2018 | Interlagos

    Per me qualunque discussione sullo "sdoppiaggio" legittimo sta a zero, così come stanno a zero le discussioni sulla presunta prudenza che avrebbe dovuto avere il leader della gara. Non esiste proprio. Ad essere prudente casomai deve essere il doppiato, che non deve in nessun modo costituire un intralcio o far perdere tempo a chi sta un giro avanti e si sta giocando la gara. Tu puoi anche essere più veloce (sicuramente lo sei sul dritto, ma che nel misto saresti riuscito a scappar via da Verstappen è tutto da dimostrare), ma se non sei certo di passarmi in maniera pulita te ne stai buono dietro senza rompere le palle, non mi tiri la staccata facendoti due curve ruota a ruota. In un mondo normale Verstappen tirava un cartone a Ocon che incassava e chiedeva scusa per la cagata cosmica.
  6. Red Bull sembra in palla, qui Verstappen rischia davvero di diventare il piú giovane poleman di sempre.
  7. Bisogna vedere i piani della Ferrari. Se il piano è quello di avere gerarchie chiare, cioè una seconda guida che faccia da cavia su strategie, pezzi, gomme, assetti, etc., disposta all'occorrenza a farsi da parte e a sacrificarsi per un bene più grande, allora è ovvio che hanno sbagliato a cambiare. Ma non credo sia questo il loro obiettivo, altrimenti si sarebbero tenuti Raikkonen. Potrebbe essere che il loro intento sia invece quello di farli correre liberi e vedere che succede. Se Leclerc non è pronto, sarà stato comunque un utile apprendistato per la stagione successiva. Se invece è subito pronto, com'è probabile, a fine anno si dà il benservito a Vettel. Può anche darsi che i malumori di Vettel del''ultimo periodo derivino anche da questo. Non sente più fiducia da parte della squadra, che gli affianca un pilota scomodo ed è pronta a scaricarlo qualora vada meglio di lui.
  8. È chiarissimo, solo nella mente malata di Vanzini poteva riferirsi a problemi personali, o forse ha volutamente mal interpretato per fare in modo che si creasse un polverone... Probabile che nella fattispecie Vettel non abbia digerito tutta la vicenda Monza, con la pole di Kimi e il famoso team radio "we talk later" e ancora meno abbia digerito una mancata imposizione a Raikkonen di dare strada alla prima curva, può essere che sia stato questo il momento di rottura, da lí in poi mi pare che abbia iniziato a perdere la bussola, combinandone una a gran premio.
  9. Appunto, l'hai detto. Ognuno reagisce a modo proprio. C'è quello che una volta abbassata la visiera i problemi li lascia fuori dal casco, e c'è quello che invece non ce la fa. Tutto qui. Fermo restando che, come ho detto prima, non credo sia questo il caso.
  10. Mi pare che la cosa sia uscita da Vanzini nel post-gara, bisogna capire se sia stata una sua interpretazione della dichiarazione di Vettel ("per me non è un buon momento", sicuramente riferita ai risultati sportivi che sta avendo) o se ha ricevuto qualche soffiata. Io propendo per la travisata di Vanzini, perchè, ammesso e non concesso che ci sia del vero, se uno ha dei problemi personali extra-pista non va a fare le dichiarazioni spavalde che sta facendo il tedesco per giustificare le sue cappelle, tipo "questa regola è sbagliata", ci siamo toccati perchè Ricciardo non mi ha visto, Verstappen a Suzuka non mi ha lasciato spazio, Hamilton a Monza idem, Bottas in Francia e in Ungheria ha frenato troppo presto etc. Lui è sempre coinvolto, ma stando a quanto dice è sempre colpa degli altri, insomma... Il rendimento può essere influenzato da questioni extra-pista, le dichiarazioni no. Che poi vorrei capire quali siano, queste vicende extra-pista... Ifratelli Schumacher appena venuta a mancare la madre, e penso non ci sia nulla peggio di questo, tanto che a un certo punto si pensava non avrebbero corso, eppure con la morte nel cuore fecero una grandissima gara, con vittoria di Michael.
  11. Con tutto il rispetto, questa M1 non vincerebbe manco se la cavalcasse il Padreterno in persona... E anche così la vittoria sarebbe in dubbio
  12. A Sky che si sono fumati? Come fa Agostini ad avere più podi che GP disputati? All'epoca correva contemporaneamente sia in 350cc che in 500cc, ma erano pur sempre due gare distinte, non me li puoi considerare gara unica.
  13. Rops

    Crisi Ferrari

    Non sono d'accordo, a mio parere per causa di Vettel il Mondiale si è chiuso con molte gare di anticipo, ma vedendo la supremazia totale Mercedes delle ultime gare sono convinto che se anche avesse corso benissimo il titolo sarebbe andato ugualmente ad Hamilton. La lotta sarebbe stata più equilibrata, magari anzichè ad Austin la vittoria matematica sarebbe arrivata due gare dopo, ma comunque secondo me non ci sarebbe stata storia. Avremmo avuto un mondiale più avvincente se Vettel non avesse buttato tanti punti, ma per me non sarebbe cambiato il risultato. PS: chiedo scusa per il doppio post, ho dimenticato di fare la multi-citazione.
  14. Rops

    Crisi Ferrari

    Nel 2010 nelle prime gare qualcosa per errori di guida la lasciò per strada, andando a memoria mi vengono in mente il muro a Monaco nelle terze libere che lo costrinsero a partire dal fondo (la famosa remuntada che fece esaltare Mazzoni per i sorpassi a HRT e Virgin), oppure il muro a Spa toccando la linea bianca sull'umido, o ancora il sorpasso a Kubica tagliando una curva senza restituire la posizione, questi ultimi due zero pesanti... Se pensiamo di quanti punti fu perso quel campionato, furono errori decisivi.
  15. Rops

    Crisi Ferrari

    Non ho visto nessuna lezione: in Russia alla prima curva Bottas è rimasto davanti a Hamilton, esattamente come a Monza Raikkonen è rimasto davanti a Vettel. Eppure alla Ferrari si rimprovera di non aver ordinato a Raikkonen di far passare Vettel alla prima curva, cosa che in Mercedes non è successa... Quindi dove sarebbe questa fantomatica lezione? Alla Mercedes è andata di culo che Hamilton, pur partendo da schifo (una delle mille variabili per le quali non puoi mai pretendere di gestire una partenza a tavolino) ha potuto sfruttare la scia di Bottas per recuperare terreno, ma non mi si dica che questa era una cosa pianificata per cortesia, Bottas avrebbe dovuto avere la retrocamera sul display del volante per decidere in un istante di muoversi a seconda di come partiva Hamilton e al contempo tenere sotto controllo Vettel
×