Vai al contenuto

Lotus72

Appassionati
  • Numero messaggi

    1.240
  • Registrato

  • Ultima Visita

  • Days Won

    7

Lotus72 last won the day on November 15 2014

Lotus72 had the most liked content!

Reputazione comunità

1.886 Buono

2 che ti seguono

Informazioni di Profilo

  • Luogo
    Camaiore
  • Segue la F1 dal
    1970
  • Pilota passato
    Fittipaldi
  • Team
    McLaren
  • Circuito
    Monza
  • Best Race
    Spa 2000

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

575 ospiti/utenti
  1. Lotus72

    24 Heures du Mans 2014

    Si rifaranno con gli interessi l'anno prossimo.
  2. Lotus72

    24 Heures du Mans 2014

    Buongiorno ragazzi. Vedo con piacere che al comando è una Porsche. Anche se sembra non per molto ancora. Incrocio le dita.
  3. Lotus72

    24 Heures du Mans 2014

    E' sempre un gran bel spettacolo la 24 H. E' stata una bella serata. A domattina...tardi.
  4. Lotus72

    Dati auditel F1 2014

    Mi sa che negli altri paesi si bevono di tutto senza accorgersene as usual...
  5. Lotus72

    Dimissioni Domenicali

    Scusa se insisto ma continuo a dire che fù Domenicali. Almeno anche lui. Baldisserri sinceramente se mi passa accanto manco sò chi sia. In quanto ai rapporti Mclaren/Ferrari dopo la spy-story Domenicali e Withmarsh hanno lavorato molto per eliminare le eliminare le fortissime tensioni e normalizzare i rapporti. Vabbè a questo punto vedremo Domenicali in Mclaren allora...
  6. Lotus72

    Dimissioni Domenicali

    I rapporti Ferrari-McLaren non sono stati mai "idilliaci" a partire dalla Spagna 1976 fino ad oggi compreso. Quanto al "ragazzo" o "ragazzino" è il tono che fà il disprezzo.
  7. Lotus72

    Dimissioni Domenicali

    Io mi ricordo di averlo sentito dire da Domenicali.
  8. Lotus72

    Dimissioni Domenicali

    Sinceramente Domenicali mi era indigesto fin dai tempi in cui bollava Hamilton come "ragazzo" probabilmente stizzito dalle bacchiate che i suoi piloti prendevano sistematicamente dal giovane pilota inglese della odiata Mclaren. I risultati comunque sono e restano sempre il giudizio principale. Sicuramente non è tutta colpa sua ma in tutti questi anni solo piazzamenti bastano e avanzano sulle capacità .
  9. Lotus72

    Fittipaldi Copersucar

    Montecarlo 1978 con la F5A.
  10. Lotus72

    Fittipaldi Copersucar

    E quì al GP precedente,Montecarlo,con la vecchia FD04 ora con la livrea gialla.
  11. Lotus72

    Fittipaldi Copersucar

    Fitti al debutto della F5 disegnata da Baldwin in Belgio a Zolder nel 1977.
  12. Lotus72

    Fittipaldi Copersucar

    Ingo Hoffman in un test a Silverstone con la FD 03 nel 1975.
  13. Lotus72

    Fittipaldi Copersucar

    Quì invece le considerazioni autorevoli di Doug Nye nel suo bel libro "History of the Gran Prix Cars 1966-1985" "Dopo una carriera anonima come pilota di Formula 1,Wilson Fittipaldi - il maggiore dei fratelli brasiliani - istituì una propria squadra per costruire una macchina sponsorizzata dall’azienda di commercializzazione dello zucchero del Brasile Copersucar , che avrebbe guidato nel 1975. C'era molto denaro in gioco e, con l'ex meccanico Richard Divila, Wilson ha sviluppato una “speciale†made in San Paolo motorizzata Cosworth. Il prototipo Copersucar-Cosworth FD01 aveva una monoscocca armoniosa, con radiatore canalizzato e un ala a tutta larghezza sul muso e un radiatore montato posteriormente, ed era considerata più o meno come una burla per tutto il '75. Wilson affrontò 13 GP, non è riuscito a qualificarsi per due volte, non-partito una volta e arrivato sei volte con un decimo posto come suo migliore piazzamento a Watkins Glen. Il prototipo si incidentò seriamente al suo debutto a Buenos Aires e la 02 corse in Brasile, ora con due radiatori posteriori e la sospensione posteriore più robusta per evitare la causa dello schianto argentino. Il nuovo telaio 03 apparve in Francia e venne utilizzato per il resto dell'anno. La vettura era abbastanza senza speranza, Wilson mediocre e per il 1976 convinse suo fratello Emerson due volte Campione del Mondo a unirsi a lui,presumibilmente per una tonnellata di denaro Copersucar. Tutto il Brasile era con lui…ma inutilmente, perché il team Copersucar non sfruttò in pieno il potenziale di Emerson. Furono prodotte quattro FD04 progettate da Divila, utilizzando radiatori in linea ai fianchi incappucciati nelle pance formose e dotato di un musetto a scalpello con un'ampio profilo alare davanti ad esso, come la Hesketh 308B. Emerson arrivò sesto con fortuna e affidabilità a Long Beach e a Monaco ma non riuscì a qualificarsi in Belgio. Un sesto posto venne nel GP di Gran Bretagna, ma la speranza brasiliana e compagno di squadra Ingo Hoffman ebbe solo quattro possibilità , non riuscendo a qualificarsi in tre di loro e raggiungendo l'11° posto nel suo GP di casa,guidando la FD01/3. Emerson guidò la FD04/2 in Spagna, la FD04/1 di nuovo fino in Francia dove apparve la FD04/3 e la FD04/4 dall'Olanda alla fine della stagione. Ie FD04 corsero ancora nel 1977, fino a che il progettista ex-Ensign Dave Baldwin producesse la sua sostituta Fittipaldi F5 (niente * D * per Divila qui),tre costruite. Sembravano lo sviluppo delle Ensign LNF75,ma Baldwin aveva lasciato il team bruscamente poco prima del debutto della sua prima F5 nel GP di Francia(Belgio ndt) e lo sviluppo entrò in fase di stallo. Le capacità di Emerson e l'affidabilità delle vetture ottennero due quarti posti in Argentina e Brasile,nonché un quinto a Long Beach, poi un altro quarto in Olanda ma non è riuscì poi a qualificarsi in Germania e in Italia. Lo scarso Hoffman corse solo in Sud America,ritirandosi e finendo settimo. Entrambi guidarono le vecchie FD04/3 e FD04/1 in quelle gare, Emerson utilizzò la F5/1 dalla Francia(Belgio ndt) e la F5/2 dalla Germania. I fratelli assunsero la consulenza del Fly Studio di Giacomo Caliri per aggiornare il disegno di Baldwin con la wing-car F5A per il 1978. Alfine Emerson divenne quasi competitivo secondo in Brasile, quarto in Germania e Austria, quinto in Olanda e negli Stati Uniti e sesto in Svezia,ottenendo 17 punti e il settimo posto in Campionato Costruttori - anche se la vettura non è mai stata un potenziale vincitore. Per il 1979, i Fittipaldi assunsero l’ex progettista Lotus Ralph Bellamy per costruirgli una seconda generazione di wing-car e ha prodotto a San Paolo la F6A con il naso piegato, che sembrava sensazionale ma fù un flop. Venne scartata e venne aggiornato il vecchio pacchetto aerodinamico delle F5A di Caljri. Successivamente, le due F6A costruite vennero modificate per l'utilizzo nel corso dell'anno. Emerson prese il via a tutti i 15 GP,ritirandosi in sette di essi,con i suoi unici risultati di sesto in Argentina,ottavo in Italia e in Canada, e settimo negli Stati Uniti. Alex Ribeiro non riuscì a qualificare la seconda vettura nella gara in Nord America. Per il 1980 la Fittipaldi Automotive si fuse con i resti della Wolf,con Harvey Postlethwaite alla progettazione delle nuove F8 per Emerson e Rosberg, dopo aver iniziato la stagione con le ex-Wolf a nido d'ape. La F7/1 era la ex-Wolf WR8 e la F7/2 la ex-Wolf" WR7 mentre il telaio F7/3 era completamente nuovo. Emerson normalmente corse con la 1, Rosberg con la 2, con la 3 come muletto guidato dal finlandese a Long Beach. La completamente nuova,ad arco lungo,naso corto F8/1 fece il suo debutto nel GP di Gran Bretagna guidata da Emerson,venne danneggiata da Rosberg all'à–sterreichring e rapidamente ricostruita intorno a un nuovo telaio. Il telaio F8/2 era nuova in Germania, Rosberg la guidò due volte, Emerson cinque volte.Rosberg ottenne un terzo posto in Argentina e un quinto in Italia,mentre era anche settimo a Zolder, ma non qualificato per le altre tre gare. Emerson nel frattempo, ereditò un terzo a Long Beach e fù sesto a Monaco,partì in tutti i 14 GP e si ritirò in sei. A questo punto Emerson appese il casco al chiodo; la sponsorizzazione si stava prosciugando e Postlethwaite andò in Ferrari. Gary Thomas sviluppò la F8C per il 1981, tre telai in corsa per Rosberg e Chico Serra, la F8C/2 con un telaio del 1980 la F8C/3 in fase di costruzione nuova e un terzo telaio,la F8C/4, che apparve come telaio di riserva a Kyalami e successivamente completato per Serra che la guidò da Long Beach. Con poco appoggio,scarsi motori e ancor più scarsi pneumatici Fittipaldi non aveva chance. Rosberg ritirato in sei dei primi nove GP,arrivato 9° e 12° e non qualificato nei restanti altri. Nelle ultime sei gare la sua iscrizione venne cancellata una volta,non qualificato per quattro volte fù decimo a Las Vegas a fine anno. Serra ebbe due arrivi, 7°e 11°,ritirato nelle tre altre gare e non qualificato otto volte,non partito una volta e la sua iscrizione venne cancellata nel GP d’Austria. Nel caso di Fittipaldi c'era vita dopo la morte. Annaspò fino al 1982, facendo un'unica iscrizione per Serra, spogliando le vetture del 1981 ricostruendo la 3 e l’ultima 5 con le specifiche dell’ F8D mentre la 4 rimase nella loro officina di Reading come telaio di ricambio. Una F9 progettata da Richard Divà­la e Tim Wright emerse al GP di Gran Bretagna per essere guidata da Serra come canto del cigno della squadra. L'era Cosworth era finita e un motore turbo era vitale per il successo. Serra combattè le sue battaglie di qualificazione bene, partendo in nove gare, finendone sei e ponendo un sesto posto per un punto a Zolder e il settimo, appena fuori dalla zona punti, in Austria. Attraverso l'inverno del 1982-1983, i fratelli cercarono di ottenere una nuova sponsorizzazione, ma non vi riuscirono; all’inizio del nuovo anno l'autore acquistò un DFV da loro e questo sembrò come il bacio della morte visto che presi i soldi chiusero la loro base di Reading entro un ora." 1975; "Ridi fratellino,vedrai cosa ti aspetta il prossimo anno...."
  14. Lotus72

    Fittipaldi Copersucar

    Nel 1980 inizia il nuovo corso del team sempre più gestito in toto da Emerson che si impegna a 360° per trovare sponsor che sostituiscano validamente Copersucar,macchina e guida da affiancare a lui. Lo sponsor arriva con la birra brasiliana Skol la macchina è forse il più facile impegno visto che Fittipaldi acquisisce in toto la Wolf,progettista compreso,Harvey Postlethwaite e pilota il giovane Keke Rosberg. La WR8/9 diventa così,con qualche modifica la cui principale è la livrea gialla,la F7,prima monoposto del rinominato team Skol-Fittipaldi. Fittipaldi con la F7 alla Rascasse nel 1980. Sarà sesto. Il duo Fittipaldi-Rosberg nei primi otto GP della stagione ottiene come miglior risultato un 3° posto con Rosberg alla prima gara in Argentina e Emerson a Long Beach e un 13° posto in griglia per Keke sempre in Argentina,ma i problemi accusati dalla vettura già l'anno prima si ripetono e quindi Postlethwaite sforna la F8 che fondamentalmente è una F7 un pò alleggerita e un pò più corta nel passo,ma i miglioramenti non ci sono soprattutto nell'affidabilità e la stagione si chiude con un 5° posto a Monza e il 6° in griglia in Canada del finlandese. Keke e Fitti a Zeltweg 1980. 16° e 11° rispettivamente. Il 1981 vide l'assenza di Emerson che ha annunciato il suo abbandono e si dedica alla squadra come team manager e l'arrivo di Chico Serra,un ragazzo che aveva conteso il titolo di F3 inglese al connazionale Nelson Piquet,qualche anno prima. Anche lo sponsor Skol abbandona mentre Postlethwaite ritocca la F8 con il modello C che vede aumentare il passo e l'asse posteriore. Un disastro,con una marea di mancate qualificazioni o di ritiri. Solo in quattro GP almeno una F8C arriva a concludere la gara,con un 7° posto di Serra nella gara di debutto a Long Beach e un 8° in griglia per Rosberg in Argentina come migliori risultati e neanche il passaggio dalle Michelin alle Avon e infine alle Pirelli porta vantaggi. Chico Serra con la F8C ad Hockenheim nel 1981 tenta invano la qualificazione. Nell'ultima stagione il team a budget ridotto perde Rosberg e Postlethwaite disegna la versione D della F8 ma il trend non cambia con un 6° posto in Belgio ma un 19° in griglia in Olanda come migliori performances. Ancora Serra ormai rimasto solo a guidare una Fittipaldi,com la F8D a Montecarlo nel 1982 non qualificato. A metà stagione il team prova il colpo di coda con la F9 disegnata da Baldwin e Wright dove la leggerezza sembra essere la miglioria tecnica più evidente. Serra che non è da par suo un fulmine fà quello che può portando la vettura al 7° posto ma il 20° in qualifica al GP d'Austria e tre non qualificazioni su sei gare. Emerson con Serra e l'ultima monoposto costruita dal team,la F9. Probabilmente non si tenne neanche conto del problema dei motori turbo quando nel team si decise di chiudere l'attività . Otto stagioni è durato il sogno di due fratelli che negli anni sessanta avevano creato la loro fortuna nella preparazione di vetture di ogni genere con cui correvano,vincevano e quindi vendevano le loro creazioni nel motorsport brasiliano,creandosi così il trampolino per affrontare l'onerosa avventura in Inghilterra,che lanciò il più dotato dei due Fittipaldi,Emerson,nel difficile mondo delle monoposto fino all'olimpo Lotus. La loro anima ritornò fuori nel 1975 quando fecero debuttare la prima e fino ad oggi unica F1 brasiliana.
×