Vai al contenuto

Peraltada

Appassionati
  • Numero messaggi

    907
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione comunità

297 Novello

1 che ti segue

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Peraltada

    Motomondiale 2015

    In allenamento si è fratturato alla falange del mignolo della mano sinistra. Il solito Dottor Mir ha aggiustato la frattura fissando una placca di titanio al dito. A Jerez correrà , però non sarà al 100% della forma fisica.
  2. A Le Mans il passo era incoraggiante, al Montmelò anche di più. Poi arrivò Assen, un WE difficile, anche se alla fine arrivò il risultato grazie ad una serie di circostanze (Pedrosa assente per infortunio, Bautista che stende Lorenzo al via,...). Poi il disastro di Silverstone, sotto l'acqua. Il passaggio dal carbonio all'allumminio è stato un errore importante e forse l'inizio della fine, diciamo. O comunque la troppa fretta di cambiare la moto a tutti i costi, senza dare un minimo di fiducia ai mezzi che c'erano in quel momento. Affidarsi a Durheimer (credo fosse lui) è stata una cura peggiore del male. Credo che sia evidente che entrambe le parti abbiano delle colpe, poi si può discutere sulle percentuali. Ma ormai sono passati 2 anni abbondanti e sia Rossi che Ducati sono ritornati là davanti, segno che da soli hanno trovato la chiave giusta per ripartire.
  3. Ragazzi, siamo alla terza gara, anche un talento come il fratello maggiore ha avuto bisogno di mezza stagione e tante cadute per prendere le misure alla categoria. Senza contare che la situazione può cambiare da un GP all'altro, pensiamo anche solo alla stagione di Salom dell'anno scorso. Comunque, Zarco riesce finalmente a vincere anche in Moto2, per un motivo o per l'altro deve sempre sudare prima di vincere, pur non essendo per niente un pilota malvagio. Continua l'ottimo apprendistato di Rins, che chiude al secondo posto, facendo un po' un mix delle due gare precedenti. Terzo Lowes, che nel finale ha perso terreno nei confronti di Alex, ma forse ha avuto qualche problema tecnico. Comunque altro podio, a conferma che la velocità c'è e sta trovando il giusto compromesso tra velocità e costanza. Buon piazzamento per Kallio, che non aveva per il podio ma ha ottenuto il suo massimo, oggi. Simeon, invece, è caduto, buttando via un piazzamento interessante. Buona rimonta per Morbidelli, che rimedia ad un WE difficile, chiudendo quinto, allungano su Luthi, Cortese (partito bene, ma ben presto rimesso in riga) e Baldassarri. Nono Folger, gara assolutamente da punto interrogativo. Lungo all'inizio, corsa lineare ai margini della zona a punti e risveglio finale, con due GV estemporanei usciti da chissà dove. SAlom 11°, la ripresa è lenta, lentissima, troppo. Rabat 12° rimedia ad un lungo iniziale che lo aveva fatto sprofondare in fondo al gruppo. Mondiale duro per lo spagnolo, inizio veramente faticoso. Marquez 15°.
  4. 5 giri alla fine, Zarco ha quasi due secondi sulla coppia Lowes-Rins, primo posto abbastanza al sicuro. Kallio ha mollato ed è bagnoriamo tra i due e Morbidelli, che a sua volta ha ripreso vantaggio su Luthi, Cortese e Baldassarri. Lotta per il nono posto, con Salom che deve fare i conti con un po' di gente, compreso Rabat che ha ripreso il gruppo. Caduto Rossi
  5. Allora, il vantaggio di Zarco su Lowes rimane sempre sul secondo e sei-secondo e sette. Lowes, a sua volta, è stato praticamente riagganciato da Rins, mentre Kallio e Simeon sono più in difficoltà ma non hanno assolutamente mollato il colpo, anzi. L owes e Rins girano sul 43.2, i tempi che faceva Zarco a inizio gara quando è andato in fuga. Più indietro Morbidelli deve fare i conti con il ritorno di Cortese se non ho visto male. Rabat 13° adesso deve recuperare due secondi abbondanti per arrivare su Aegerter.
  6. Zarco continua a dominare il GP, mentre Lowes ha allungato su Rins, Kallio e Simeon. Morbidelli a sua volta ha sganciato Baldassarri, Cortese e Luthi in questa fase della corsa. Rins sembra macinare, vediamo se ne ha per riprendere Sam. Intanto Marquez rimane 14°, davanti a Folger e Rabat. Ora Tito entra in zona punti passando il tedesco.
  7. Eh, però quando ha avuto la sua occasione non è riuscito a vincere il Mondiale. Ed era contro Di Meglio, che non era pietoso come lo è adesso in MotoGP, ma neanche un fulmine di guerra, bagnato a parte.
  8. Zarco ha più di un secondo e mezzo su Lowes, Simeon, Kallio e Rins. Dietro altro quartetto, con Cortese, Morbidelli, Baldassarri e Luthi. Salom completa la top10 e precede Aegerter. Marquez 14°, Rabat 18°. Situazione ancora in evoluzione, perchè Lowes sembra poter tentare l'allungo sui rivali.
  9. Lowes passa Simeon, ma arriva leggermente lungo ed il belga torna davanti. Zarco sfrutta la situazione per tentare la fuga. Kallio guarda da vicino la lotta tra il britannico e il belga, mentre Rins, per ora, fatica a tenere il passo del podio. Marquez guadagna due posizioni ed entra in zona punti. Rabat è 21°. 43.6-43-7 il passo di Zarco, che sta mettendo in seria difficoltà gli altri.
  10. Francamente credo che le eccezioni siano state le altre annate, prima che introducessero questa categoria random era uno dei tanti mediocri.
  11. Simeon, Zarco, Lowes e Kallio i primi 4, con Rins quinto e poco lontano. La situazione sembra essersi stabilizzata. A seguire Cortese, Luthi, Baldassarri, Morbidelli (ottimo start) e West a completare la top10. 12° Salom, 14° Aegerter. Caduto Simon. Zarco passa Simeon, intanto Rabat ha raggiunto la coda del gruppo ed ha iniziato la sua rimonta. Marquez 17°.
  12. Partita la Moto2, buono lo start di Rabat, ma il CDM finisce lungo mentre stava sgomitando con Zarco, aspettiamo un replay. Inizio di stagione complicato per Tito. Cortese e Simeon sfruttano la situazione per passare al comando, seguiti proprio da Zarco e Lowes. Simeon, Lowes, Zarco, Kallio, Cortese, Luthi e Rins. Mah, dall'inquadratura dall'alto direi che Rabat ha fatto tutto da solo cercando un'ottimistica traiettoria esterno. Errore simile anche per Folger, già nelle retrovie.
  13. Alle 19:20 la Moto2, alle 21:00 la MoTOGP.
  14. Finita, Kent concede il bis in una gara molto simile ad Austin, solo con meno cadute. Il britannico sfrutta l'incidente tra Navarro e Antonelli (lo spagnolo cade e fa strike con l'italiano) per capitalizzare il buco che si è creato per allungare sugli avversari, che non hanno potuto far altro che lottare per il secondo posto. Vazquez e Vinales completano il podio, togliendosi dai guai all'ultimo giro. Per il team Leopard c'è pure la doppietta, sfiorata ad Austin. Piazzamenti per Oliveira, Binder, Quartararo tutti protagonisti del GP. Settimo Hanika, ottavo Fenati che ha rimontato bene. E non è partito male, semplicemente è stato penalizzato per questo: http://www.motoblog.it/post/387546/moto3-argentina-2015-romano-fenati-penalizzato-per-condotta-antisportiva L'italiano continua a confermare i suoi limiti, a dispetto di un talento che ci sarebbe pure. Bastianini (oggi in ombra) e Ajo completano la top10, Bagnaia, Loi, ONo, Kornfeil e McPhee la zona a punti e il gruppo di testa, del quale faceva parte il vincitore del Qatar, Masbou, caduto.
×