Vai al contenuto

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 05/11/2012 in all areas

  1. 19 points
    Praticamente...un report tipo quelli che devo scrivere per lavoro Ad ogni modo son partito giovedi mattina assieme a mio nipote (che ringrazio davvero perchè sua è stata l'idea e buona parte dell'organizzazione), un suo amico più un mio carissimo amico da ben 38 anni accompagnato da suo figlio dodicenne. Arrivati a Parigi-Beauvais da Orio al serio, ci attendeva la vettura a noleggio (una C Max che i passeggeri posteriori hanno trovato scomodissima) con la quale siamo giunti a Le Mans attesi da un caldo appiccicaticcio, subito alla ricerca del nostro camping Beausejour dove siamo stati accompagnati al nostro posto da un solerte addetto, montaggio tende e via! ad assistere alle prove serali; e qui ci siam resi conto dell'infelice scelta della tribuna, la 12 a fine del rettifilo principale: sulla carta pareva una buona scelta ma non ci potevamo rendere conto che la visuale è compromessa dalla "storica" tribuna in cemento (ora Dunlop)...quindi non si vedeva l'intero rettifilo principale e le macchine sbucavano all'improvviso . Un giro appena oltre e siamo sulla prima curva Venerdì mattina un acquazzone insistente ha un poco rovinato la mattinata (ma ha rinfrescato!), spesa a gironzolare nel villaggio tra vari stand e bancarelle, più un bellissimo spazio dedicato alle sfide Ferrari-Ford negli anni sessanta Veramente ci sarebbe dovuto essere il Pitwalk...ci siamo andati nel pomeriggio ma siamo stati rimbalzati indietro boh...in nottata rientro al camping dove all'esterno inglesi e locali fulminati dall'alcool conciavano la rotonda d'ingresso in una discarica puzzolente. Sabato mattina: warm up alla curva Porsche vicino al nostro campeggio e per vedere la Le Mans Legend pensiamo di andare a piedi ad Arnage....peccato non ci si riesca! Reti dappertutto, tentiamo di raggiungere il rettifilo dell'Hunaudieres ma è proibito.... chilometri a piedi invano. Ce la siamo persa . Prima delle 15 postazione in tribuna (zeppa),imponente cerimonia vista dal megaschermo e via alla 24 ore, i primi giri sono da GP tra Porsche e Audi, le Toyota sin da subito danno l'impressione di non tenere il passo, dopo circa 3 ore decidiamo di spostarci passando verso il ponte Dunlop, chicane e arriviamo a Tertre Rouge: bella curva in discesa verso Hunaudieres dove più che mai sono evidenti i problemi delle Nissan Nismo, al confronto delle avversarie parevano ferme, peccato perchè la vettura mi ispirava simpatia sia per la linea (io la trovo bellissima...) sia per le soluzioni tecniche un poco azzardate. La Porsche n°17 di Webber/Bernhard/Hartley è in testa seguita dall'Audi n°7 di Lotterer; bella la Porsche n°19 che in qualche modo ricorda la livrea del Team Salzburg, vincitore nel 1970. Usciamo per mangiare un boccone (altra scarpinata) e al ritorno è buio ma l'atmosfera è suggestiva Ritorniamo in tribuna (semideserta) dove passiamo la notte al freddo e vento, dormito si e no un'ora in tutto (e come sarebbe stato possibile col frastuono di quella dannata Corvette ) con qualche passeggiata di fronte ai box, c'è stato un breve intervallo con l'Audi di Lotterer in testa e poi la Porsche n°19 di Hulkenberg/Bamber/Tandy prende la testa e non la mollerà più. Intanto albeggia Tornati alla curva Porsche per un ultimo diversivo prima dell'arrivo e ritorno alla tribuna 12 per il gran finale, applausi ai vincitori (ma anche agli altri,) premiazione vista dal megaschermo e incomincia a piovere...chiudiamo la giornata all'interessante museo del circuito Ringraziamo....il Buffalo Grill nei pressi di Tertre Rouge (costine-costate-texmex), i baracchini vari con baguettes farcite, ottimi hamburgher e scatole di birra. Lunedi mattina assieme agli ultimi reduci sbaracchiamo, direzione Parigi Beauvais e il volo ci riporta a casa. Dormito: poco e dove capitava. Mangiato: tanto e alla faccia del colesterolo. Sigarette: non le ho contate.... Ma ne è valsa la pena
  2. 18 points
    Tornato da poche ore Lo so, le sport-prototipi di un tempo erano un'altra cosa così come l'automobilismo in generale, il circuito stesso non è più lo stesso, sono stati giorni inizialmente di caldo afoso poi di pioggia, vento, doccie accettabili oppure gelate, notti pressochè insonni e scarpinate interminabili...ma mi sono divertito e ne è valsa la pena :happy-sunny: cavolo, a Le Mans non ero mai stato! :handgestures-thumbup: :handgestures-thumbup: Grandi Porsche, onore alle Audi, in Toyota saranno parecchio delusi.. Solo, mi è dispiaciuto non poter accedere al rettifilo dell'Hunaudieres
  3. 18 points
    Ho visto il video al TG5.... In queste ore abbiamo discusso, io per primo, sull'impossibilità per una macchina di 700 kili di spostarne un'altra 10 volte più pesante. Del fatto che l'ipotesi più concreta fosse che avesse fatto da perno... Del fatto che il manovratore probabilmente nemmeno si sarebbe reso conto dell'impatto.... Quei pochi fotogrammi spazzano via tutto. Mai, e dico mai, avrei immaginato un'impatto così terrificante e devastante. E' uno degli incidenti più violenti che abbia mai visto. Sono assolutamente senza parole.... In ogni caso concordo su chi ha detto che è incredibile come non sia morto sul colpo e di come nessuno, tra le persone lì attorno, si sia fatto nulla.... 2 miracoli. praticamente. Ecco, magari è buon segno. Magari arriverà anche il terzo, di miracolo....
  4. 18 points
    Questo articolo/ricerca dI Paolo D'Alessio del 1981 (quando Autosprint era la Bibbia) vale più di mille wikifrantumaglie. Buona lettura.
  5. 16 points
    poi ragazzi io voglio risentire i piloti che arrivano da altre categorie SPAVENTATI e IMPRESSIONATI quando provano per la prima volta una F1, Schumacher che era abituato ai mostri Mercedes nel gruppo C quando salì per la prima volta sulla Jordan a Silverstone disse "cazzo se è veloce!" , Pantano rimase esterrefatto dalla potenza e dalla frenata della Benetton di Fisichella nel 2000, Villeneuve rimase impressionato dalla velocità della F1 nel 1995, ora invece mi trovo Marciello che dice di trovare la F1 meno impegnativa della GP2 Lotterer che dice di trovare la F1 ben più facile da guidare dell'AUDI R18 e della Superformula Giappo, MA STIAMO SCHERZANDO ???
  6. 16 points
    Volevo una cosa diversa per questo funesto anniversario. Voglio ringraziare pubblicamente Djbill, senza di lui non avrei mai fatto in tempo, è stato immenso.
  7. 16 points
    Sono già tornato a casa ( oggi ho il matrimonio di uno dei miei bimbi Luca e non potevo mancare.) Giovedì sera cena con Marione Andretti un mito per me ! Parla ancora benissimo l'italiano e stamattina colazione con JPM l'ultimo mio mito !
  8. 16 points
    Passare questa giornata insieme a voi ha aiutato a sopportare meglio queste ore Inviato da Samsung Galaxy S3 con Tapatalk 4 Pro
  9. 15 points
    definizione per il nuovo format delle qualifiche L'accanimento terapeutico consiste nell'esecuzione di trattamenti di documentata inefficacia in relazione all'obiettivo
  10. 15 points
  11. 15 points
    Caro Matteo, il mondo cambia a velocità fotonica. Anche quello della F1. Schumacher era un caudillo perchè fino a quegli anni lo poteva ancora essere, così come lo erano stati prima Senna, Prost, Lauda e via a ritroso nel tempo. Non ho voglia di regalare nemmeno un click al sito dei freak (fa anche rima ) ma potrei andare a recuperare le dichiarazioni di media e forumisti in concomitanza con l'arrivo in Ferrari di Alonso al posto di Raikkonen. Riassumendo, c'era parecchia gente in piena erezione che, ansimando e con una punta di lingua fuori dalla bocca, si diceva finalmente soddisfatta perchè Alonso avrebbe riportato a Maranello quella grinta e quella voglia di "lavorare gomito a gomito con i tecnici" giorno e notte, dormendo in officina o magari direttamente nell'abitacolo, rinverdendo così l'epopea del trascinatore Schumacher e seppellendo il fancazzismo del beone finlandese. Era il 2009 e troppa gente non aveva ancora capito che i nuovi regolamenti tecnici e sportivi avevano annullato quel plus valore che un tempo era fornito dal deretano di chi si sedeva in una monoposto, quello che spesso faceva la differenza tra un campione e un Campione. Da ormai troppo tempo vediamo dei test driver che non hanno nemmeno la superlicenza perchè i soldi del "noleggio" dell'auto valgono più del ritorno tecnico del miglior pilota del mondo. Questi regolamenti impongono ai progettisti di azzeccare la soluzione giusta al primo colpo e se sbagli, amen. Fottuto. Non c'è collaudatore che tenga, non c'è linea imposta dal pilota che tenga. Il pilota deve tirare fuori il 101% da quello che ha. C'è chi lo fa (vedi Alonso) e chi invece decide che non vale la pena (vedi Kimi), ma più in là di così non si va più. Così è, purtroppo.
  12. 15 points
    Spa 1992 Estoril 1993 Interlagos 1994 Aida 1994 Imola 1994 Montecarlo 1994 Montrea 1994 Magny-Cours 1994 Hungaroring 1994 Jerez 1994 Interlagos 1995 Barcellona 1995 Montecarlo 1995 Magny-Cours 1995 Hockenheim 1995 Spa 1995 Nurburgring 1995 Aida 1995 Suzuka 1995 Barcellona 1996 Spa 1996 Monza 1996 Montecarlo 1997 Montreal 1997 Magny-Cours 1997 Spa 1997 Suzuka 1997 Buenos Aires 1998 Montreal 1998 Magny-Cours 1998 Silverstone 1998 Budapest 1998 Monza 1998 Imola 1999 Montecarlo 1999 Melbourne 2000 Interlagos 2000 Imola 2000 Nurburgring 2000 Montreal 2000 Monza 2000 Indianapolis 2000 Suzuka 2000 Sepang 2000 Melbourne 2001 Sepang 2001 Barcellona 2001 Montecarlo 2001 Nurburgring 2001 Magny-Cours 2001 Budapest 2001 Spa 2001 Suzuka 2001 Melbourne 2002 Interlagos 2002 Imola 2002 Barcellona 2002 Zeltweg 2002 Montreal 2002 Silverstone 2002 Magny-Cours 2002 Hockenheim 2002 Spa 2002 Suzuka 2002 Imola 2003 Barcellona 2003 Zeltweg 2003 Montreal 2003 Monza 2003 Indianapolis 2003 Melbourne 2004 Sepang 2004 Sakhir 2004 Imola 2004 Barcellona 2004 Nurburgring 2004 Montreal 2004 Indianapolis 2004 Magny-Cours 2004 Silverstone 2004 Hockenheim 2004 Budapest 2004 Suzuka 2004 Indianapolis 2005 Imola 2006 Nurburgring 2006 Indianapolis 2006 Magny-Cours 2006 Hockenheim 2006 Monza 2006 Shanghai 2006 Grenoble 2014
  13. 15 points
    Campione ..... non ti ho mai tifato Uomo ..... non ti ho mai amato ma uno come te non può andarsene così ..... FORZA FORZA FORZA !!!
  14. 14 points
    Io credo ci sia un problema davvero di fondo. In questo Forum, eccezione vera per il mondo del Web, c'è un'ampia forbice di differenza di età tra gli utenti. Si parte dai ventenni e si arriva agli ultrasessantenni. E' cosa rara e straordinaria per un ambiente come questo. L'esperienza che ne consegue è illimitata, perché ci sono persone che hanno memoria di gare corse 40 anni fa, quando molti di noi non erano ancora nati e nemmeno previsti. Ora, io personalmente non mi permetterei mai di mettere in dubbio i pensieri di chi ha visto dal vivo le corse degli anni 80, perché benché sia nato in quegli anni non ho memoria storica per poter controbattere. E anche riguardare ad oggi quelle gare aiuta fino ad un certo punto, perché si è condizionati da quello che è il presente. Il presente si vive una volta sola, poche palle. Detto questo, entrare in un ambiente simile come un elefante in una cristalleria e smontare sistematicamente tutto quello che viene detto non solo da noi, ma che viene confermato con dati alla mano, è abbastanza sconcertante. Sto ancora aspettando una risposta alla domanda "perché ci sono 10 milioni di persone in meno" negli ascolti rispetto a 15 anni fa. E non mi si dica che c'erano la Ferrari e Schumacher che vincevano, perché potevano influire e ok ma fino ad un certo punto. Nel 2010 e nel 2012, anni in cui la RAI era unica emittente a trasmettere in chiaro e in diretta, all'ultima gara c'era la concreta possibilità che la Ferrari vincesse il titolo con Alonso, eppure da questo grafico non risultano ascolti milionari al pari di quelli degli anni 2000. Quindi "la Ferrari che vince" c'entra a convenienza e non è un metro di paragone per valutare gli ascolti. La verità, oggettiva, è che l'appeal della Formula 1 è andato calando in modo inversamente proporzionale ai tentativi di spettacolarizzarla artificialmente, tentativi mirati a conseguire più ascoltatori (anche occasionali) con un duplice risultato negativo: non riuscire a trattenere gli occasionali e perdere gli storici, tramortiti dalla serie di puttanate inventate appunto per avvicinare la F1 ad uno show allontanandola dallo sport. Andate nei bar, nelle edicole, e chiedete perché la Formula 1 non la si segue più, sentite cosa vi dice la gente. Il DRS, le gomme a scoppio programmato, i motori ibridi in una categoria sprint quando c'è un WEC che incarna il ruolo dell'ibrido a tutti gli effetti. Io non so rispondere a chi mi dice "sai te come cazzo fai a seguirla ancora", perché hanno tutti ragione. I coglioni non sono i 10 milioni che si sono stancati e seguono altro, siamo noi che siamo ancora qui a subire tutto questo. Molinari, per quanto mi riguarda, può esprimere qualsiasi parere: può dire che le vetture 2015 sono più fighe di quelle del 1995, può dire che "le vecchie generazioni erano migliori" è una stronzata perché si dice sempre così, ma i fatti oggettivi lo sbugiardano ora e lo sbugiarderanno sempre di più. E' la sua opinione, e probabilmente ci saranno altre persone che la pensano come lui, ma per quanto mi riguarda quello che lui sostiene è totalmente senza senso, fuori da ogni logica e contesto e a tratti irrispettoso dell'esperienza di chi segue le corse da 30 o 40 anni, perché basta semplicemente riguardare uno dei video postati in precedenza per capire quanto le F1 di 20 anni fa fossero delle puttane per le quali ci volevano palle cubiche per andare in pista, mentre adesso sono dei taxi: al netto del fatto che nessuno di noi sarebbe comunque in grado di portarli al limite. Solo il fatto che siamo qui a discuterne significa che un problema c'è, ed è reale. L'ultima pagliacciata delle qualifiche e la semi ribellione di team (spesso collusi con il potere) e piloti significa che si è arrivati all'insostenibilità di una situazione patetica. Tutte le corde prima o poi si spezzano, qui siamo attaccati ad un filo e nessuno mi convincerà MAI che le mie e le nostre sono fantasie passeggere.
  15. 14 points
    Le curve del circuito di Interlagos hanno nomi, capisco che sono passate di moda e che i mitici piloti odierni parlano cosi, ma io avrei scritto ' S do Senna' e 'Descida do Lago'. OT sai, io e molti dentro qui,in mancanza di social network, siamo cresciuti con alcune filastrocche. La mia si chiamava ' Variante Goodyear, Curvone, Variante Roggia, Prima di Lesmo, Seconda di Lesmo, Serraglio, Variante Ascari, Rettifilo opposto, Parabolica, Rettifilo delle tribune'. Per altri la filastrocca era 'Tamburello, Villeneuve, Tosa,Piratella, Acque Minerali, Variante Alta, Rivazza, Variante Bassa' Fine OT
  16. 14 points
    straquoto, ci sono meno appassionati su qualsiasi materia, c'è una generazione dai 15 ai 55 di gente che come hobby ha passare un dito su uno smartphone per sapere tutto senza conoscere nulla
  17. 14 points
    35 anni. Patente mai presa per scelta, visto che odio profondamente le auto stradali e odio guidare. Forse sarò, diciamo, costretto a prenderla da qui a poco, ma solo per un motivo: quando mi sbatteranno fuori dal mio attuale lavoro (e questo accadrà, senza ombra di dubbio...), l'assenza di patente è un problema mica da ridere nell'eventualità (tra l'altro comunque molto complessa anche disponendo di patente) della ricerca di un nuovo lavoro... Per quanto riguarda il resto, l'interesse c'è ancora perché certe fiamme sono piuttosto difficili da spegnere. Ma sicuramente il livello di "attenzione" è molto molto calato. Non riesco ancora a fare a meno totalmente di quella che è decisamente la "punta di diamante" (perché come sappiamo benissimo tutti, o meglio quasi tutti, il motorsport non è solo F1... Ma è innegabile che questa categoria si guarda sempre con un certo "occhio di riguardo". Nel bene e soprattutto nel male...) della passione della mia vita. Arriverà il giorno in cui, probabilmente (se l'andazzo continuerà ad essere questo... E sono sicuro che continuerà ad essere questo... Anzi, forse arriverà addirittura il giorno in cui le boiate odierne arriveremo a rimpiangerle. E questo è tutto un dire...) la spina con la F1 riuscirò a staccarla. Ma penso che una minima, infinitesimale percentuale d'interesse rimarrà sempre. Faccio molta fatica ad immaginarmi un futuro assolutamente privo di F1. Magari non la guarderò più, né m'interesserò più direttamente, né vorrò parlarne o sentirne parlare. Ma non penso che riuscirò mai ad ignorarla completamente al pari di cose che non mi hanno mai interessato. Un piccolo tizzoncino di brace, anche minuscolo, resterà. E quindi, per esempio, dovessi trovarmi un giorno a sfogliare un quotidiano, o una rivista, o qualsiasi cosa di qualsiasi genere, di certo una notizia o una foto o quant'altro riguardante la F1 (se esisterà ancora, è chiaro) non potrà mai passare, da parte mia, totalmente inosservata come una, chessò, di golf o di altre robe che ho sempre ignorato. E penso che la stessa cosa valga un po' per tutti, anche per quelli che pubblicamente dichiarano senza mezzi termini che non gliene frega più un cazzo di niente. Avere (o avere avuto) una passione o non averla non è la stessa cosa. La passione è come una ferita che rimane sempre aperta (e se la passione non c'è, non esiste nemmeno la ferita). Può arrivare il giorno in cui quella ferita si chiude definitivamente. Ma la cicatrice resterà per sempre, e non c'è proprio niente da fare...
  18. 14 points
    Vero. Come ho scritto altre volte, ho avuto modo di conoscere gli amici di mia figlia(ora 19enne) in questi anni: della F.1 non frega un cazzo a nessuno.QUando è successo l'incidente a Schumacher molti di loro pensavano corresse ancora per la Ferrari. Decisamente l'interesse si è spostato verso le moto....ma con un tifo assolutamente acritico verso " il Vale."
  19. 14 points
    Memorandum 2 Ricordatevele queste belle facce sorridenti quando ognuno di loro si dirà affranto ma sicuro di aver fatto tutto quanto in loro potere per salvare l'Autodromo Nazionale. Tutte le foto sono state scattate in occasione dello scorso GP d'Italia. In ordine crescente di potere: Un figlio di papà a cui il padre ha dato le chiavi di casa solo dopo la morte (e un motivo ci sarà). Il sciur Alberto Bombassei, presidente della Brembo nonchè consigliere di amministrazione di Italcementi, Atlantia (ex Autostrade), Pirelli e NTV (Italo). Deputato della Repubblica (Scelta Civica). Portatore sano del medinìtali alla Montezuma. I fratelli De Rege Federico Bendinelli (AD della SIAS), uomo di fiducia di Bernie (e di Pierferdinando Casini che lo aveva messo a capo dell'ACI di Bologna e della SAGIS). Visto l'ottimo lavoro svolto a Imola fino al 2006 (fallimento della SAGIS) è stato giustamente premiato con la promozione a Monza. Oltughèder: Angelo Sticchi Damiani (presidente ACI), Sergio Marchionne (presidente FCA e Ferrari), Bernie Ecclestone, Matteo Renzi (televenditore), Gianluca Galletti (amico di Casini e casualmente ministro dell'ambiente), Jean Todt e Giovanni Malagò (presidente CONI). Se facevano gestire tutto a lui, almeno c'era da divertirsi.
  20. 14 points
    Oggi sono 60 anni dalla tragica morte in prova di Alberto Ascari, il due volte campione del mondo (1952 e 1953) con la Ferrari. Il più vittorioso pilota italiano del Dopoguerra.
  21. 14 points
    Per me la vittoria di Hamilton è quella di aver creduto in sé stesso e nella Mercedes e aver tappato la bocca a tutti quelli che lo hanno criticato per aver lasciato la Mclaren per la Mercedes. Parafrasando uno dei suoi capi, basta guardare dopo due anni dov'è lui e dov'è la Mclaren.
  22. 14 points
    Ecco qui http://www.passionea300allora.it/2014/10/08/la-nostra-ricostruzione-sullincidente-di-bianchi/
  23. 14 points
    Ci fossero anche solo TRE LeMans all'anno la smetteremmo di sentir dire che senza la Ferrari lo sport dei motori non esiste !
  24. 14 points
    Ragazzi ..... e mi riferisco in modo particolare a quelli che Schumi in qualche modo lo amano, lasciate morire nel loro brodo di M coloro che scrivono da dementi QUALI IN REALTà€ SONO ! nei vari social network ...... questi non meritano la vostra attenzione !
  25. 14 points
    Per ora non vi posso dire di più tranne che Viviane , da San Paolo, registrerà giovedì mattina un'intervista esclusiva alla RAI annunciando questo grandissimo Evento per l'anno prossimo ad Imola. L'intervista dovrebbe andare in onda domenica subito prima del GP del Brasile. Ci sarà da divertirsi anno prossimo .........GIURO !
This leaderboard is set to Roma/GMT+01:00


×